Bombardare lo Stato Islamico? No, quella è un’ideologia. Si può risparmiare carburante e soldi, non andare fino in Mesopotamia. Si può bombardare Molenbeek (quartiere di Bruxelles, dove è stato arrestato il terrorista Salah Abdeslam, ndr)”. Sono le parole del politologo americano Edward Luttwak, intervistato a La Zanzara (Radio24), all’indomani degli attentati di Bruxelles. “Evidentemente questi funzionari europei” – accusa l’economista – “passano le giornate a regolare le dimensioni del tappo delle bottiglie e non si sono accorti che si stava preparando un campo armato davanti ai loro uffici. Ricordiamoci che non esiste l’Isis. Esiste lo Stato islamico, cioè l’Islam che è una religione che mobilita, una religione che porta all’estremismo. Lo Stato islamico aderisce alle regole dell’Islam, non sono una banda di criminali, ma persone che, appunto, seguono le indicazioni dell’Islam”. E aggiunge: “In Iran un uomo può sposare una bambina di 7 anni e avere rapporti sessuali con una bambina di 9 anni. Vogliono copiare l’uomo perfetto, Maometto, che ha fatto la stessa cosa. E anche la legge saudita permette di sposarsi a 7 anni e stuprare, pardon, avere rapporti rapporti sessuali, come il Profeta, con bambine di 9 anni”. Poi il j’accuse all’Europa: “Quelli che propongono le moschee devono capire che generano nuove adesioni alla religione. Le autorità di Molenbeek hanno deciso di trasformare la città in un luogo largamente islamico e di conseguenza ci sono predicatori che non predicano buddismo ma islamismo, dove c’è l’obbligo di salvare l’umanità portando l’Islam ovunque. Se voi europei volete un conflitto permanente potete aumentare ancora il numero di islamici presenti. Finora avete fatto così, ma non è casa mia, io sono americano. Voi li invitate con grande entusiasmo, è la vostra scelta. Quando vedo che il papa” – prosegue – “li invita, apre le braccia, presidenti e primi ministri e preti dicono che è una religione di pace, chi può essere contro la pace? Voi avete deciso che volete islamizzare l’Europa, perché è una religione di pace”. Luttwak, infine, attacca Gino Strada: “Lui è quello che gestiva l’ospedale in Afghanistan ed era fiero di curare i talebani, che poi uscivano dall’ospedale e uccidevano di nuovo. Non ho la sua levatura morale, per lui tutto è uguale: lo Stato islamico è uguale alla Croce Rossa svedese, l’Italia è uguale al Giappone. Questo è Gino Strada. Per lui non ci sono terroristi. Ai tempi del comunismo li chiamavano ‘utili idioti’. L’Islam non si accorge di Gino Strada, ma lo chiamerebbe un utile idiota. E’ un termine tecnico, non è un insulto