“Non voglio fare commenti su queste cose che appartengono a una sfera molto personale, l’unica cosa che posso fare è fargli gli auguri, da papà, avendo grande amore per i miei figli sono sicuro che avrà lo stesso amore lui verso il suo”. Pierferdinando Casini presidente della commissione Esteri al Senato ha commentato così la decisione di Nichi Vendola e del suo compagno di avere un figlio all’estero tramite la maternità surrogata. Il vicesegretario del Pd Debora Serracchiani, ospite con Casini a un convegno della Johns Hopkins University a Bologna, al contrario si lascia andare a un commento: “Sono contenta per Nichi, per il suo compagno e per il piccolo Tobia. Ho qualche perplessità, lo abbiamo sempre detto, sull’utero in affitto che è vietato in questo paese e resta vietato nonostante l’approvazione delle unioni civili. Non facciamo confusione”. Poi Serracchiani ha spiegato che sul tema delle adozioni il Pd inizierà a lavorare già da mercoledì. Da parte sua tuttavia nessun riferimento, almeno non esplicito, alla stepchild adoption: “Vorremmo occuparci delle adozioni, delle adozioni internazionali, delle adozioni per tutti”. Casini però, proprio sulla stepchild adoption, chiude a ripensamenti: “Non credo che sia possibile far entrare dalla finestra quello che oggi è stato espunto dal disegno di legge sulle unioni civili, per il resto sulle adozioni è da tempo che se ne deve discutere”