Scontro in Vaticano sulla lotta alla pedofilia. L’ex vittima Peter Saunders, messo fuori dalla Commissione vaticana anti abusi del clero dopo le durissime critiche al cardinale George Pell e perfino al Papa sulle politiche messe in campo per contrastare questi reati, ribatte: “Non ho lasciato e non me ne vado. L’unica persona che mi può rimuovere è colui che mi ha nominato, ovvero il Papa”. In una conferenza stampa, Saunders ha dichiarato di non essere stato messo al corrente della dichiarazione dell’organismo vaticano voluto da Bergoglio per contrastare la pedofilia nella quale si precisava che l’attivista inglese avrebbe preso “un periodo di aspettativa dalla sua partecipazione come membro per riflettere come egli possa contribuire nel modo migliore al lavoro della Commissione”.

La versione di Saunders, infatti, è assai diversa da quella ufficiale del Vaticano. L’ex vittima ha spiegato che il 6 febbraio 2016 la Commissione anti pedofilia lo ha sfiduciato all’unanimità accusandolo di parlare troppo con i media. “Per me – ha spiegato Saunders ai giornalisti – come sopravvissuto, la Commissione è una vergogna. Essi credono che la pedofilia è dietro di noi, ma non è in alcun modo dietro di noi”. L’attivista inglese, nominato il 17 dicembre 2014 tra i 17 membri dell’organismo vaticano anti abusi del clero istituito da Francesco aveva infatti attaccato duramente il “ministro dell’economia” del Papa, il cardinale australiano Pell sotto processo nel suo Paese con l’accusa di aver insabbiato la pedofilia dei sacerdoti quando era arcivescovo di Melbourne.

Saunders era stato molto chiaro: “Pell si sta facendo gioco della commissione papale, del Papa, ma soprattutto di tutte le vittime e per questo dovrebbe essere messo da parte e fatto tornare in Australia. Ora, dopo un botta e risposta durato mesi e diversi certificati medici presentati dal porporato per evitare di rispondere nel suo Paese alle accuse sulla sua gestione dei casi di pedofilia, la Commissione australiana d’inchiesta sugli abusi sessuali sui minori ha deciso che Pell potrà deporre in videoconferenza da Roma. In una prima audizione sempre via webcam dall’Italia, nell’agosto 2014, il porporato aveva paragonato i preti pedofili ai “camionisti che molestano autostoppiste”.

Ma le critiche di Saunders non avevano risparmiato nemmeno il Papa: “Non può dire una cosa e farne un’altra. Se c’è zero tolleranza nei confronti di chiunque nei ranghi della Chiesa che abusa, allora queste persone devono stare fuori, e si deve rimanere a quel punto. Ho bisogno di sapere perché queste cose non succedono, o altrimenti non c’è alcun motivo per cui io resti in commissione. E sono sicuro che altri la pensano allo stesso modo”. Il riferimento era alla nomina, decisa da Bergoglio, di monsignor Juan de la Cruz Barros Madrid a vescovo di Osorno in Cile. Il presule, infatti, amico personale di Francesco, è accusato di aver coperto la pedofilia di padre Fernando Karadima, un leader spirituale nella Chiesa cilena, che nel 2011 fu ritenuto colpevole di aver abusato sessualmente di minori.

Immediata la risposta della Santa Sede alle pesanti critiche di Saunders: “Compito specifico della Commissione sarà quello di proporre al Papa le iniziative più opportune per la protezione dei minori e degli adulti vulnerabili, sì da realizzare tutto quanto è possibile per assicurare che crimini come quelli accaduti non abbiano più a ripetersi nella Chiesa. La Commissione promuoverà, unitamente alla Congregazione per la dottrina della fede, la responsabilità delle Chiese particolari per la protezione di tutti i minori e degli adulti vulnerabili”. Le proposte da sottoporre al Papa riguardano, come riporta un comunicato ufficiale, “la richiesta di ricordare a tutte le autorità della Chiesa l’importanza di una risposta diretta alle vittime e ai superstiti che li avvicinano; l’istituzione di una Giornata universale di preghiera e di una liturgia penitenziale”, ma anche “stabilire maggiore trasparenza sui processi canonici. Alla prossima assemblea plenaria saranno presentati un rapporto e alcune raccomandazioni e sarà anche attivato un website per condividere le buone norme per la tutela dei minori nel mondo”.

Twitter: @FrancescoGrana