Una nuova ondata di arresti si abbatte sulla classe politica spagnola, e in particolare sul Partito Popolare del premier uscente Mariano Rajoy. Ventiquattro persone, molte delle quali membri o ex membri del PP, sono state arrestate in Spagna in diverse perquisizioni compiute dalla polizia nella regione di Valencia nell’ambito di un’indagine per corruzione. Si sospetta che avvenissero pagamenti illegali in cambio di contratti per appalti pubblici. La portavoce della Corte regionale fa sapere che risultano indagate 29 persone, fra cui ex sindaci e membri del governo regionale, nonché un ex capo del Partito Popolare di Valencia.

L’indignazione dell’opinione pubblica per i numerosi scandali di corruzione che hanno coinvolto la classe politica è stata uno degli elementi a portare, nelle ultime elezioni del 20 dicembre, al considerevole calo di voti dei tradizionali partiti di destra e sinistra, a vantaggio delle formazioni nuove, Podemos e Ciudadanos.