Un nuovo balzello sulla benzina, che in Italia è già gravata da addizionali e accise e costa in media il 20% in più che nel resto d’Europa. L’idea è del ministro delle Finanze tedesco, Wolfgang Schaeuble, secondo cui con i proventi si potrebbero coprire i costi dell’emergenza migranti“Ho suggerito di fissare una tassa su ogni litro di benzina, se non ci sono fondi sufficienti nei budget nazionali o in quello europeo”, ha spiegato il falco tedesco alla Sueddeutsche Zeitung facendo riferimento a quanto detto all’ultimo Eurogruppo.

Venerdì la questione migranti è stato uno degli argomenti da cui è nata la polemica tra il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker e Matteo Renzi. L’Ue ha promesso alla Turchia 3 miliardi di euro per contenere il flusso migratorio di siriani e iracheni che arrivano in Europa via terra puntando di solito a stabilirsi in Germania. Tutti gli Stati membri dovrebbero contribuire ma l’Italia, che attende il via libera a una legge di Stabilità già nel mirino dell’esecutivo Ue, non intende versare la sua parte.

“Dobbiamo mettere in sicurezza i confini dell’area Schengen e non possiamo fallire a causa di fondi limitati – ha aggiunto Schaeuble  – Perché non dovremmo affrontare il problema a livello europeo, se la questione è così urgente?”. Schaeuble ha poi spiegato che se non si dovesse raggiungere un accordo tra i paesi Ue, la Germania potrebbe essere costretta a chiudere le proprie frontiere. Una scelta che metterebbe a rischio l’esistenza stessa di Schengen e che secondo il ministro tedesco lascerebbe soli paesi come la Grecia nella gestione dei migranti.