Le collezioni di Bettino Craxi sono state vendute all’asta. Nel pomeriggio di giovedì 5 novembre nella sala della Bolaffi a Torino il direttore generale della casa d’asta Maurizio Piumatti ha battuto i prezzi di quadri, stampe, sculture, cimeli della collezione garibaldina appartenuti all’ex presidente del Consiglio morto da latitante ad Hammamet per sfuggire nel 1994 all’arresto voluto dai pm dell’inchiesta “Mani pulite”. “I discendenti hanno rinunciato a questa eredità che dopo dieci anni è ritornata nelle mani dello Stato italiano, così il tribunale ha voluto metterli all’asta e vista la tipologia delle opere si è affidata a noi”, spiega Filippo Bolaffi, amministratore delegato, che stima un ricavo di circa 271mila euro (diritti inclusi). Il valore iniziale stimato dalla casa d’aste era di 150mila euro, mentre il tribunale di Milano nel 2013 l’aveva valutato sui 350mila euro.

I beni erano stati sequestrati l’11 marzo 1997 dalla Guardia di finanza su un traghetto in partenza dal porto di Livorno verso Tunisi. Una telefonata anonima aveva messo sulla pista giusta. Erano 130 scatoloni contenenti molti degli oggetti e opere d’arte collezionate dal segretario del Partito socialista nel suo attico di 270 metri quadri in via Foppa 5 a Milano. Si trattava di oggetti comprati dall’ex segretario del Partito socialista italiano girando per i mercatini di antiquariato oppure doni ricevuti dai capi di Stato. Beni che ora hanno dei nuovi proprietari.

Nella sala nessun nostalgico, ma tanti collezionisti e galleristi. E poi molti altri partecipanti via internet, via corrispondenza e via telefono, anche dall’estero. Tutti interessati ai pezzi pregiati della collezione craxiana. Al termine di un “duello” frenetico un gallerista torinese – che vuole rimanere anonimo – si è accaparrato una gouache di Alexander Calder, pittore statunitense, per 75mila euro (la base d’asta era di 20mila): “Un affare – spiega -. Solo la scorsa settimana a New York una sua opera è stata battuta all’asta per 120mila euro e questa è migliore. Ho già una cornice pronta”. Molto apprezzate anche le incisioni di Durer, Rembrandt e Goya, le litografie di Fortunato Depero e la sua scultura in bronzo “Guizzo di pesce”, venduta per 13mila euro a un collezionista milanese, ma anche i doni fatti a Bettino Craxi da alcuni politici e capi di Stato stranieri: l’acquaforte donata nel 1986 dall’allora sindaco di Parigi Jacques Chirac (650 euro il valore finale); il pugnale del Regno di Galilea, datato VI secolo, regalato da Shimon Peres (4mila euro) e la statuetta fenicia di Osiride, dono del presidente libanese Helias Hraoui (1.100 euro).

Una sola offerta da 70mila euro, pari alla base dell’asta, è arrivata via corrispondenza per la collezione garibaldina che include 16 sculture e 7 bassorilievi, 14 tra dipinti e disegni, tra cui un’acquaforte di Renato Guttuso (la “Battaglia di Ponte dell’Ammiraglio”); alcune fotografie dell’epoca, documenti autografi, un fazzoletto garibaldino, un bronzo della mano di Garibaldi, 150 libri di argomento garibaldino e altro ancora. Impossibile vendere i singoli oggetti singolarmente perché il ministero per i Beni e le attività culturali ha posto una “dichiarazione di interesse culturale particolarmente importante”. Il nome dell’acquirente è riservato: “Non possiamo rivelare l’identità dell’acquirente perché, come casa d’aste, siamo tenuti al rispetto della privacy – ha dichiarato a margine dell’asta l’Ad del Gruppo, Filippo Bolaffi –. Posso solo dire che non si tratta di una persona fisica e che la sua destinazione sarà probabilmente un luogo pubblico”.

Se i beni della collezione garibaldina fossero stati in vendita singolarmente qualcun altro si sarebbe fatto avanti: “Pensavo di raccogliere un po’ di persone per fare un’offerta collettiva, ma non si poteva perché si vendeva il blocco intero”, spiega Giusi La Ganga, ex uomo di Craxi a Torino e ora consigliere comunale del Pd, che ha visto i beni, ma non ha partecipato all’asta. “Uno dei busti di Garibaldi – ricorda l’ex socialista – gli era stato regalato dai compagni torinesi che l’avevano acquistato al ‘Balon’”, cioè al mercato delle pulci di Torino. Il “Cinghialone”, invece, frequentava molto le bancarelle dei Navigli milanesi. “Quella di Craxi per Garibaldi erano una passione antica e in quarant’anni è facile realizzare una collezione così girando per i mercatini come faceva lui. Quella collezione sicuramente vale più di 70mila euro”.