Il suo monito, padre Gabriele Amorth, l’esorcista modenese celebre per le sue invettive contro lo yoga, Harry Potter, e altre amenità dell’epoca contemporanea, lo lancia tramite Facebook: “Festeggiare Halloween è rendere osanna al diavolo”. Zucche, dolcetti, scherzetti, costumi da strega: per il prelato emiliano romagnolo, che ha all’attivo più di 70mila esorcismi da quando nel 1986 la Diocesi di Roma gli affidò l’incarico di scacciare presenze demoniache dalle anime dei fedeli, sono tutti elementi di una seduta spiritica. “Penso che la società italiana stia perdendo il senno, il senso della vita, l’uso della ragione, e sia sempre più malata – scrive Amorth sulla sua pagina Facebook – Celebrare Halloween è come celebrare il demonio. Il quale, se adorato, anche soltanto per una notte, pensa di vantare dei diritti sulla persona. Allora non meravigliamoci se il mondo sembra andare a catafascio e se gli studi di psicologi e psichiatri pullulano di bambini insonni, vandali, agitati, e di ragazzi ossessionati e depressi, potenziali suicidi”.

Un’opinione condivisa da numerose parrocchie in Italia, che per questa ragione, con l’approssimarsi della notte delle streghe, si preparano a controbattere a zombie, mostri e Jack o’Lantern con una loro iniziativa: Holyween. Cioè la festa dei Santi. Niente scheletri né travestimenti, però. Solo un’immagine sacra e una veste bianca. “Holyween è una simpatica iniziativa nata alcuni anni fa al fine di riportare l’antica festa anglosassone di Halloween al suo significato originale di vigilia di Ognissanti, storpiato da chi ha voluto trasformarlo in un evento sempre più macabro – si legge sulla pagina web Holyween.org, che raccoglie alcune delle numerose iniziative anti Halloween organizzate in giro per l’Italia – feste, cioè, in cui i bambini si vestono con costumi ispirati ai santi, e viene proposto di esporre fuori dalla propria abitazione, oratorio o chiesa, l’immagine di un santo”.

Quale, lo scelgono i bambini. Ma il sito offre qualche suggerimento: San Francesco d’Assisi, ad esempio, oppure Don Bosco, o Padre Pio. Mentre per le bambine c’è Santa Rita da Cascia, Santa Margherita di Scozia o Santa Elisabetta d’Ungheria. Ma vanno bene anche i costumi da angeli, “esempi di santità, piuttosto che di terrore”, “l’importante è non sottovalutare le tentazioni del male, che sa abilmente infiltrarsi in spazi minuscoli. La migliore risposta al tentativo delle forze demoniache di farci del male è di gioire”.

A Comiso, in provincia di Ragusa, ad esempio, Holyween inizia in parrocchia alle 21, e il motto è “be alternative”, e così ad Arienzo, nel casertano, mentre ad Atessa, in Abruzzo, si comincerà con una messa, e la regola da seguire è “non venire mascherato ma indossando una maglietta o una camicia bianca, e porta anche un lumino”. A Capriolo, tra Brescia e Bergamo, Holyween poi si fa 2.0, i Santi sono raffigurati in stile manga giapponese, il costume più bello vincerà “un segno”, e con i ceri bianchi “si risponderà alla provocazione di organizzare feste la notte del 31”. E zucche bandite anche a Pittulongu, in Sardegna, dove la parrocchia di Santa Maria del mare ha lanciato la sua personale crociata anti-Halloween, “festa pagana che non appartiene alla pratica cristiana”, con un rosario di gruppo e una serata tra le mura della chiesa.

“Holyween è una festa di luce e bellezza, è una festa di gioia e di gratitudine che si contrappone alla lugubre Halloween – fanno sapere anche da Cigole, sempre in Lombardia – un modo felice di conoscere i patroni dei quali portiamo il nome, evitando così di insultare o prendere in giro i nostri morti o la morte stessa, che è una cosa seria”.

“Genitori – concorda anche padre Amorth – stiamo attenti a permettere che i nostri bambini si abituino all’occulto. Mi dispiace moltissimo che l’Italia, come il resto d’Europa, si stia allontanando da Gesù il Signore e, addirittura, si metta a omaggiare Satana. Perché l’astuzia del demonio sta proprio qui: tutto viene presentato sotto forma ludica, innocente. Anche il peccato non è più peccato al mondo d’oggi. Tutto viene camuffato sotto forma di esigenza, libertà o piacere personale. L’uomo è diventato il dio di se stesso, esattamente ciò che vuole il demonio”.