Riciclaggio, voto di scambiocorruzione, associazione a delinquere. Queste, secondo i media locali, le accuse che hanno portato in carcere Gabriele Gatti, negli ultimi trent’anni leader del Partito democratico cristiano sanmarinese, e per 17 titolare della carica più importante in seno al congresso della Repubblica di SanMarino, quella di Segretario di Stato agli Esteri. Gli illeciti contestati vanno dal 1999 a oggi.

Gatti, a quanto si apprende, è stato arrestato questa mattina e condotto nel carcere dei Cappuccini, come prima di lui era già capitato agli ex segretari di Stato Claudio Podeschi e Fiorenzo Stolfi.

La nuova bomba giudiziaria, ricorda l’emittente Rtv, scoppia a poche ore dallo svolgimento del processo Mazzini, lunedì, che vede imputate 21 persone, che a loro volta dovranno rispondere, a vario titolo, di riciclaggio, corruzione e associazione a delinquere, tra cui 8 ex segretari di Stato.

Tra gli ultimi episodi contestati a Gatti, nel 2015, proprio la falsificazione di prove a discredito dei magistrati che stavano indagando su di lui nell’inchiesta partita dal “conto Mazzini”. Vi sarebbero infatti depositate in tribunale alcune registrazioni, una ricevuta dai magistrati in forma anonima, ma vagliata e ritenuta attendibile, in cui si parla di come gettare discredito su magistrati e indagine, e costruire prove. Con questo obiettivo, Gatti avrebbe partecipato a una riunione segreta con Giuseppe Roberti, banchiere e politico coinvolto nella Tangentopoli sanmarinese.

Secondo le accuse mosse dal commissario della legge Alberto Buriani, che ha coordinato le indagini, Gatti avrebbe tenuto una condotta illecita a partire dal 1999 fino a tutto il 2015. Due i motivi che hanno prodotto l’arresto e la detenzione preventiva in carcere: inquinamento delle prove e reiterazione del reato di riciclaggio. Tra gli episodi contestati, la speculazione da 60 miliardi di vecchie lire dei Tavolucci, la zona dove anni fa fu costruito il centro servizi in cui tra gli altri uffici ha trovato sede il Tribunale Unico di San Marino. E poi la vendita delle licenze bancarie e operazioni di riciclaggio. Per gli investigatori Gatti era “in affari” politici con il gruppo dei democristiani tra cui l’ex ministro Claudio Podeschi, arrestato con la compagna, per accuse simili l’anno scorso.