Sarà il primo mondiale giocato d’inverno ed anche uno dei più brevi, oltre ad essere quello che ha creato probabilmente maggiori polemiche. Sono state ufficializzate le date del Mondiale di calcio in Qatar del 2022: comincerà lunedì 21 novembre e durerà fino a domenica 18 dicembre. Lo ha annunciato oggi il comitato esecutivo della Fifa riunito a Zurigo.  Sarà l’edizione più breve del torneo dal 1978: solo il Mondiale di Argentina, durato 24 giorni, era stato più breve.

Inoltre il torneo del Qatar sarà la prima Coppa del Mondo ad essere giocata in inverno, viste le alte temperature nell’Emirato nei mesi estivi. I grandi club del continente riceveranno non solo per il mondiale del Qatar, ma anche per il prossimo torneo di Russia 2018, la cifra record di 209 milioni di dollari, a titolo di compensazione per la cessione dei loro giocatori.

La decisione di assegnare i mondiali al Qatar aveva esposto la Fifa era già stata attaccata da più fronti. “Il Qatar non sta rispettando i diritti dei lavoratori migranti. Un anno fa il governo si era impegnato a migliorarli ma di fatto non c’è stato alcun passo avanti  senza un’immediata azione, le promesse fatte lo scorso anno rischiano di risultare un mero esercizio di pubbliche relazioni per tenersi stretti i Mondiali”, spiegava nel maggio scorso Mustafa Qadri, ricercatore di Amnesty nei paesi del Golfo. Amnesty stima in 1,5 milioni i migranti attualmente impiegati come schiavi sul territorio, pronti a salire fino a 2,5 milioni con l’avvicinarsi di Qatar 2022.

Ma non solo. Il comitato esecutivo della Fifa aveva assegnato la Coppa del Mondo 2018 alla Russia nel dicembre 2010: era stato nella stessa seduta che il Qatar aveva ottenuto il diritto a ospitare l’edizione successiva, quella del 2022. Quell’assegnazione è finita al centro di un’indagine degli investigatori svizzeri, che vogliono accertare la presenza di corruzione dietro queste due assegnazioni. Si tratta di un’inchiesta parallela da quella realizzata negli Stati Uniti che nel maggio scorso aveva portato all’arresto di sette membri della Fifa per tangenti nell’ambito di tornei dell’America del Sud.

E se l’annuncio delle date del mondiale in Qatar era atteso, è arrivato a sorpresa l’annullamento della conferenza stampa del presidente della Fifa Joseph Blatter, prevista subito dopo la riunione del comitato esecutivo. L’organo di governo del calcio mondiale non ha spiegato i motivi della cancellazione, che è avvenuta cinque minuti prima dell’orario concordato per l’inizio della conferenza stampa. La Fifa ha solo distribuito un comunicato con le proposte e le decisioni adottate nella riunione dell’Esecutivo sul processo di riforme in corso e tra gli altri tempi, la conferma delle date della Coppa del Mondo 2022 in Qatar. L’ultima conferenza stampa di Blatter risale a luglio.