Lo scandalo della manipolazione dei dati sulle emissioni dei motori diesel da parte di Volkswagen diventa un caso politico. Perché il governo tedesco sapeva della truffa. A sostenerlo è l’edizione online di Die Welt, secondo cui “la tecnica della manipolazione dei motori è nota da tempo a Berlino e Bruxelles”. Lo dimostra, secondo il quotidiano conservatore, un documento del ministero dei Trasporti presentato in risposta a un’interrogazione dei Verdi in materia, che risale al 28 luglio scorso. Il ministero tedesco avrebbe ammesso di essere a conoscenza del software incriminato e avrebbe tirato in ballo anche la Commissione europea. Nella risposta non compare alcun riferimento a specifiche case auto o modelli, ma la rivelazione del quotidiano, se confermata, cambierebbe completamente le carte in tavola. Anche perché il Land della Bassa Sassonia, una delle regioni che costituiscono la Repubblica federale, di Volkswagen è grande azionista, con il 20% dei diritti di voto.

Nell’interrogazione i Grünen chiedevano una presa di posizione sul problema dei dispositivi capaci di riconoscere se una vettura è sottoposta a un test di prova e di abbassare i giri del motore e con essi le emissioni. Manipolando così i risultati. Il governo federale ha risposto di condividere “l’opinione della Commissione europea, che ha sottolineato come l’impegno volto a eliminare i meccanismi manipolativi non si sia ancora del tutto affermato nella prassi comune”. Il ministero dei Trasporti, è la conclusione di Die Welt, sapeva dunque dell’esistenza di un dispositivo come quello scoperto negli Stati Uniti. Il seguito della risposta chiamerebbe poi in causa la Ue perché recita che “il governo federale sostiene, in queste circostanze, gli attuali sforzi per lo sviluppo di norme europee con lo scopo di diminuire ulteriormente le emissioni reali delle automobili”.

Mentre negli Usa è in corso un’inchiesta e diversi Paesi europei hanno a loro volta annunciato indagini per verificare gli effettivi livelli delle emissioni delle auto di Wolfsburg, la notizia che Berlino era al corrente del problema mette nel mirino lo stesso esecutivo guidato da Angela Merkel. Che martedì, contestualmente al varo di una commissione di inchiesta ad hoc, ha auspicato che “i fatti siano messi sul tavolo il più velocemente possibile”. Non sembra casuale la presa di posizione dell’ex segretario di stato americano Hillary Clinton: “E’ una cosa vergognosa. Quando una società mette i profitti davanti alla salute e all’ambiente ci devono essere delle conseguenze”, ha scritto su Twitter la candidata democratica alla Casa Bianca.