Ieri la perquisizione in casa. Oggi le dimissioni. Il consigliere regionale di Forza Italia Monica Paolino lascia la presidenza della commissione Anticamorra della Regione Campania dopo l’accusa di voto di scambio politico-mafioso mossa dai magistrati della Dda di Salerno. Nell’indagine sono coinvolti anche il marito, il sindaco di Scafati Pasquale Aliberti, il cognato e alcuni collaboratori.

“Nella consapevolezza di essere assolutamente estranea alle vicende per le quali sono indagata, per il senso alto che ho delle istituzioni, annuncio le mie dimissioni dal presidente della Commissione Anticamorra del Consiglio Regionale della Campania”. Queste le parole con cui Paolino ha lasciato l’incarico in commissione Anticamorra. In una nota il consigliere forzista dice di non conoscere “neppure la specificità dei fatti” e le sue dimissioni sono anche dettate “affinché il lavoro avviato possa proseguire nella massima serenità”. “Ringrazio il partito, i suoi dirigenti e i tantissimi cittadini – sottolinea – che, conoscendomi, mi hanno manifestato la loro solidarietà ed il loro grande affetto. Resto serena e fiduciosa nell’operato della magistratura”.

Paolino, consigliera regionale al secondo mandato, è stata eletta al vertice della commissione agli inizi di agosto. La senatrice del Pd Rosaria Capacchione, giornalista del Mattino che vive sotto scorta per le minacce del clan dei Casalesi, commentò così la scelta: “Nomina quantomeno surreale. Un po’ come mettere un piromane a capo dei Vigili del fuoco. Adesso attendiamo solo quella di Dracula a presidente dell’Avis”.

A chiedere un passo indietro a Paolino è stato anche il governatore Pd Vincenzo De Luca: “In relazione alla vicenda giudiziaria di Monica Paolino si rileva che son trascorse 24 ore. È doveroso attendersi e sollecitare le immediate dimissioni da presidente della Commissione Consiliare Anticamorra e Beni Confiscati a tutela della persona interessata ed a tutela della dignità dell’Istituzione”.