Un diamante è per sempre, dice la pubblicità, ma anche una Ferrari non scherza, soprattutto nel caso della FXX K che Benjamin Sloss (vice presidente di Google) ha regalato a sua moglie Christine per il compleanno, spendendo circa 2,5 milioni di euro. Ma perché regalarle un’auto così particolare? Perché la signora in questione è un’appassionata di supercar e ha doti di guida che le hanno consentito di avvicinare il record della pista di Fiorano già dopo poche tornate: ha girato in 1 minuto e 20 secondi. La coppia americana, peraltro, già possiede una 599 XX, cioè il capitolo precedente della saga XX, nata nel 2005 con la FXX che derivava dalla Enzo; la nuova FXX K invece è parente stretta della LaFerrari.

Ma che cosa è questo programma XX? È un sistema originale trovato dalla Ferrari da un lato per sviluppare soluzioni tecniche adatte a prestazioni estreme, dall’altro per coinvolgere i suoi “clienti collaudatori“, ossia i più facoltosi e “smanettoni”, quelli che alle sportive di Maranello il gas lo danno sul serio. La FXX K dei “coniugi Google” è un mostro da 1.050 CV e 900 Nm di coppia, equipaggiato con un sistema Kers parente stretto di quello delle Formula 1; peccato, però, che non sia omologata per girare su strada e che non rispetti nemmeno i parametri di nessuna categoria sportiva. In parole povere, un velocissimo e costosissimo giocattolo per ricchi.