La Divina Provvidenza lo ha inguaiato e la provvidenza del Pd lo ha salvato. Antonio Azzollini dovrà ringraziare Luigi Zanda, il capogruppo del Pd che ieri aveva inviato una lettera ai senatori del suo partito invitandoli a votare “secondo coscienza” sull’arresto dell’esponente del Nuovo Centrodestra. E la coscienza dei dem alla fine ha salvato il politico pugliese. Con il voto segreto, Palazzo Madama ha infatti respinto la richiesta d’arresto avanzata dalla procura di Trani per il senatore accusato di bancarotta fraudolenta e associazione a delinquere, nell’inchiesta sul crac della casa di cura Divina Provvidenza.

Fondamentali nel salvataggio di Azzollini i voti del Pd. Su 302 voti disponibili, le preferenze contrarie all’arresto alla fine sono state 189, 96 quelle favorevoli, 17 gli astenuti. Considerato che i voti a disposizione di Area Popolare (Ncd – Udc), Forza Italia, Gal, Autonomie ( e cioè dei partiti che avevano anticipato l’intenzione di votare contro l’arresto Azzollini) sono in totale 128, almeno 60 senatori del Pd, e cioè la metà del gruppo parlamentare dem, ha votato contro la richiesta d’arresto.

E dire che sono passate appena tre settimane da quando la giunta per le Immunità del Senato aveva già dato il suo via libera agli arresti domiciliari per l’esponente del Ncd, con il voto favorevole dei senatori Pd. A nulla è valso il monito della senatrice dem Lucrezia Ricchiuti: “i nostri colleghi – ha detto intervenendo in aula –  hanno dato via libera all’arresto dopo aver letto le carte: cosa è cambiato da allora?”. Fondamentale, è stata probabilmente la lettera inviata da Zanda ai senatori dem nella giornata di ieri: nessun ordine di scuderia, ma l’invito a votare dopo essersi formati “il proprio convincimento” sul caso Azzollini. Allegate alla lettera c’erano le due relazioni della giunta per le Autorizzazioni: quella del presidente Dario Stefano, favorevole all’arresto, e quella di minoranza di Nico D’Ascola.

Il primo a parlare davanti all’aula era stato proprio Stefano. “La documentazione elaborata dal senatore Antonio Azzollini  per dimostrare le presenza del fumus persecutionis nei propri confronti risulta piuttosto fragile e forse esposta a plateali contraddizioni logiche”, è stato l’esordio di Stefano, che aveva integrato la relazione sulla domanda di autorizzazione degli arresti domiciliari. Nell’esame della Giunta è stato presa in considerazione solamente la presenza del fumus persecutionis “nulla di più nulla di meno”, ha continuato Stefano, spiegando da relatore è stato suo obiettivo “sfuggire alla logica colpevole vs innocente, accusa vs difesa”. Secondo D’Ascola, invece, non ci sono gli estremi per dare l’ok agli arresti domiciliari per Azzollini perché le “esigenze cautelari si fermano ad un anno fa”. Poi, sul tavolo del presidente Pietro Grasso era arrivata una richiesta di voto a scrutinio segreto: e nell’anonimato dell’urna il Pd ha salvato Azzollini. “Qui sono tutti amici suoi, dopo 12 anni ad allargare i cordoni della borse”, ha chiosato il senatore del M5S Mario Michele Giarrusso poco prima del voto. Il riferimento è per la dozzina di anni trascorsa da Azzollini come presidente della commissione Bilancio del Senato: incarico dal quale si è dimesso solo poche settimane fa.

ORA PER ORA – il dibattito al Senato

13:14 – Azzollini: “Bene la lettera di Zanda”  – La lettera di ieri del capogruppo Pd Luigi Zanda? “non ne sapevo nulla, ma se ha scritto che bisogna votare secondo libertà di coscienza, ha fatto bene”, è una regola che “vale sempre in questi casi”. Lo sottolinea, rispondendo ai cronisti, il senatore Ncd Antonio Azzollini, secondo il quale in casi come il suo “non si vota per partito”. “Ma chiamerà Zanda per ringraziarlo?”, gli viene chiesto. “Non credo”.

13:10 – D’Attorre: “Duro colpo a credibilità del Pd”. “La nascita del gruppo di Verdini a sostegno della maggioranza di governo e il voto del Senato che, capovolgendo il parere della Giunta per le autorizzazioni, salva Azzolini dall’arresto infliggono in poche ore un doppio colpo micidiale per la credibilità del Pd”. Lo afferma Alfredo D’Attorre, leader della minoranza dem, sottolineando la necessità urgente di “un confronto democratico” per chiarire come può proseguire l’esperienza di governo e la perdita di “identità e valori”.

13:02 – Schifani commosso: ” Sempre convinto di innocenza Azzollini” –  
Asciuga una lacrima, si volta e dice: “Non c’è stato alcun salvataggio, l’aula ha votato secondo coscienza. Questo non impedisce alla magistratura di fare il suo corso. Sono sempre stato convinto della piena estranietà di Azzollini ai fatti che gli sono stati attribuiti e sono certo che questo sarà dimostrato nelle sedi prorie”. È visibilmente emozionato Renato Schifani, capogruppo di Ncd a Palazzo Madama “L’ Aula del Senato – aggiunge -ha dimostrato il fumus persecutionis mentre le Aule del tribunale dimostreranno la sua totale innocenza, ne sono convinto”. “Ho sempre creduto fermamente nella sua innocenza, fino dalla prima notte in cui sono stato avvisato ed ho letto le carte. E’ stato un massacro. Davanti all’Italia intera. Incredibile” conclude.

12:56 – Vendola: “Che tristezza” – 
“È nato il governo Renzi-Verdini-Azzolini. Che tristezza!”. Lo scrive su twitter il leader di Sel, Nichi Vendola.

12:55 – Azzollini: “Non me l’aspettavo: ho dormito poco”.  “Posso solo dire che sono soddisfatto”. Così il senatore Antonio Azzollini uscendo dall’aula dopo il voto. “Non me lo aspettavo”, ha aggiunto. “Avevo fiducia nelle argomentazioni che avrei sostenuto, ho dormito poco ieri notte ma tranquillo.

12:53 – Stefano: ” Il voto va rispettato” – 
Evidentemente l’Aula è sovrana. Il suo voto va rispettato e quale presidente di un organo di garanzia come la Giunta ribadisco come non spetti a me fare alcuna valutazione. Voglio solo difendere il lavoro svolto in Giunta e dire che anche in questo caso è stata dimostrata la sua autonomia”. Così il presidente della Giunta per le Immunità del Senato, Dario Stefano (Sel), esponente della relazione favorevole all’arresto del senatore di Ncd.

12:40 – Grillo: “Legge non uguale per tutti” –
“La legge non è uguale per tutti. Azzollini salvato dal Pd”. Lo scrive su Twitter Beppe Grillo.



12:35 – Salvini: “Renzi ha calato le braghe” –
“Il Senato ha salvato dall’arresto il senatore Azzollini, dell’Ncd. Renzi e il Pd hanno calato le braghe per salvare le loro poltrone, che pena. Chi sbaglia paga, ma se serve alla sinistra non paga”. Così su Facebook il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini.

12:30 – Lega Nord: “Votato sì ad arresto” –
“Abbiamo votato per l’arresto del senatore Azzollini, a salvarlo è stato il Partito democratico. L’intervento demenziale di Giarrusso del Movimento cinque stelle è stata la carta vincente di Azzollini perché ha chiarito le idee agli indecisi”. Lo dichiara Gian Marco Centinaio, capogruppo della Lega Nord al Senato.

12:26 – Sel: “Pd ha salvato maggioranza” – “Per non mettere in pericolo la maggioranza il Pd ha deciso di votare contro la richiesta di arresti domiciliari per il senatore Azzollini, stabilendo così il principio per cui la legge non è uguale per tutti”. Lo afferma Loredana De Petris, presidente del gruppo Misto-Sel al Senato.
“La relazione del presidente della Giunta per le autorizzazioni Dario Stefàno – prosegue De Petris – era chiarissima, non lasciava adito a dubbi e infatti il Pd, in giunta, aveva votato senza esitazioni a favore. Le considerazioni che hanno spinto il Pd a cambiare parere sono sin troppo chiare: non hanno nulla a che vedere con la difesa di nobili principi. Spero solo che di fronte a questo vergognoso mercanteggiamento nessuno osi adoperare il garantismo come alibi”.

12: 15 – Di Maio (M5S): “Mi fanno schifo” –
“Il Pd ha appena salvato dall’arresto il senatore Azzolini. Quello che secondo i magistrati speculava sulle cure per gli ammalati. Ieri tagliano 2 miliardi alla sanità. Oggi salvano chi specula sulla nostra salute. Mi fanno davvero schifo!”. Lo scrive su Facebook il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio, membro del direttorio M5S

11:56 – Votazione chiusa: Senato non approva richiesta d’arresto per Antonio Azzollini . I “no” sono stati 189, i sì 96 astenuti 17.

11:55 – Il presidente Pietro Grasso ha indetto la votazione a scrutinio segreto, dopo aver messo ai voti la richiesta pervenuta alla presidenza

11:50 – Giarrusso (M5S): “Qui sono tutti amici di Azzollini: 12 anni con la borsa aperta” “In quest’aula sono tutti amici di Azzollini, e vorrei vedere: 12 anni con i cordoni della borsa sempre aperti”, ha detto il senatore del Movimento 5 Stelle Mario Michele Giarrusso. “Non erano gli alieni che presiedevano la commissione bilancio, era Azzollini, e non sono gli alieni i responsabili della bancarotta di questo Paese. Voi salverete Azzollini e perderete voi stessi perché dimostrerete che di Azzollini eravate complici e sodali”.

11:44 – Grasso: “Arrivata richiesta di voto segreto”- “
Premetto che è arrivata una richiesta di voto a scrutinio segreta corredata dal bastevole numero di firme”

11:33 – Azzollini: “Contro di me c’è fumus persecutionis” –
“La presenza del fumus persecutionis nei miei confronti è testimoniato dall’episodio per cui per lo stesso fatto un padre e un figlio sono chiamati” a testimoniare “a 10 mesi di distanza”. Lo detto Azzollini intervenendo in aula al Senato parlando delle deposizioni di Antonio Nicolino Lo Gatto e Attilio Lo Gatto a febbraio e novembre 2014. È una fatto che “va contro la logica” perchè di solito si è chiamatia a testimoniare “uno la mattina e uno il pomeriggio o un giorno e il giorno dopo”, ha aggiunto l’ex presidente della commissione Bilancio.

11: 15- Lo Moro (Pd): “Voteremo a favore dell’arresto” – “Voterò a favore della proposta della Giunta delle elezioni del Senato di autorizzazione all’arresto del senatore Azzollini”, dichiara la senatrice del Pd Doris Lo Moro, componente della Giunta, che precisa di parlare a nome proprio e anche a nome di altri senatori del Pd che condividono la stessa posizione. “Non ci piace il clima in cui si discute il caso – prosegue  – Il Senato è chiamato a valutare se nel caso in esame si possa o meno ravvisare il fumus persecutionis che legittimerebbe il rigetto della richiesta. In Giunta abbiamo atteso anche il provvedimento del Tribunale del Riesame. Oggi posso dire che in tutti gli atti esaminati, e non solo negli argomenti proposti dal senatore Azzollini, non c’è traccia dell’esistenza del fumus. Sorprende ancora che il Pd, in questa occasione, venendo meno a una posizione consolidata sul tema, abbia deciso di non esprimere un orientamento, pur nel pieno rispetto della libertà del singolo”.

11:05 – Ricchiuti (Pd): ” Inchiesta su Azzollini non è persecutoria” – “Nell’inchiesta condotta su Azzollini non c’è nulla che faccia pensare che le indagini siano state condotte con intento persecutorio”, ha detto la senatrice del Pd Lucrezia Ricchiuti. “Nella giunta per le autorizzazioni i nostri colleghi hanno dato via libera all’arresto dopo aver letto le carte: cose è cambiato da allora? E che differenze ci sono tra il caso di Azzollini e quello di Genovese alla Camera? Chiedo ai miei colleghi del Pd che differenze ci siano”

10:55 – M5S al Pd: “Si voti con voto palese” – La senatrice Barbara Lezzi del Movimento 5 Stelle si appella ai senatori del Pd e chiede che si voti in modo palese e nel rispetto della legge. “Dopo la pronuncia della Procura, del gip, del tribunale del Riesame di che altre prove avete bisogno?”, domanda ai Dem. Quindi chiede che “si salvi la dignità della commissione Bilancio che è una commissione cardine” per il funzionamento dell’istituzione Senato, presieduta fino a qualche settimana fa da Azzollini. E invita i senatori Pd a votare tenendo conto della “coscienza e della volontà dei propri elettori”.