Dopo le motivazioni della sentenza che assolve in appello i sei accusati dello stupro della Fortezza da Basso nei confronti di una ragazza di Firenze, la “Rete della conoscenza” lancia la foto-petizione #nessunascusa. “Sentiamo la necessità di prendere parola non solo in solidarietà alla ragazza – definita ‘un soggetto fragile, promiscuo, bisessuale’ e quindi non credibile per i giudici – ma anche per riflettere collettivamente con chi è indignato, stanco e arrabbiato”.

Su Twitter uomini e donne si uniscono e in poco meno di una giornata vengono raccolti centinaia e centinaia di cinguettii. Tra chi esprime la sua solidarietà e chi il suo sdegno, però, c’è anche chi consiglia alle ragazze di “comportarsi in modo degno” e di non “offrire incentivi con il proprio abbigliamento”. Ecco una raccolta di questi tweet: