Da Livorno a Piacenza, da CremaTreviso fino a Roma si moltiplicano le proteste di chi non vuole i migranti vicino a casa. E subito arriva la sponda di Matteo Salvini: “Invece di rompere le palle a chi protesta, i prefetti la smettano di coccolare migliaia di clandestini”. Adesso però il dissenso si è trasformato in violenza. E’ successo nella Capitale, dove la manifestazione dei residenti di Casale San Nicola, zona nord, è degenerata in tafferugli con la polizia. Tra le fila dei dimostranti, anche militanti di CasaPound che con i caschi in testa si sono scontrati con il reparto mobile.

video di Mauro Episcopo

Sassi contro la polizia, bottiglie contro i migranti
Questa mattina una cinquantina di persone ha bloccato la strada che porta all’ex scuola “Socrate” – destinata all’accoglienza – per impedire l’ingresso del pullman con a bordo 19 immigrati. Alcuni cassonetti sono stati dati alle fiamme. La polizia ha tentato di mediare, ma il prefetto Franco Gabrielli ha subito chiarito che non c’erano alternative, quindi il blocco stradale è stato rimosso. Ed è qui che è partito un lancio di sassi e tavolini di plastica contro gli agenti che hanno risposto con i manganelli. I tafferugli tra manifestanti e polizia sono durati qualche minuto, prima di spegnersi (quattordici poliziotti sono rimasti feriti). A quel punto però la rabbia si è scagliata contro il pullman dei migranti scortato da camionette e agenti che è stato accolto da un coro di insulti razzisti, saluti romani, minacce e da un lancio di bottiglie. Alle 14 e 24 il pullman è riuscito comunque ad arrivare nel piazzale davanti alla struttura. E solo alle 14 e 41 i profughi sono stati trasferiti all’interno dell’ex scuola.

Prefetto Gabrielli: “Non faremo passi indietro”
Per sbloccare la situazione ai residenti era stata offerta la possibilità di ridurre il numero di migranti ospiti (60 anziché 100): il comitato però l’ha respinta. A quel punto è intervenuto il prefetto Gabrielli: “Non faremo passi indietro“. Sulla struttura di Casale San Nicola, ha aggiunto, “c’era un bando e una commissione ha ritenuto che la cooperativa avesse i requisiti necessari: ci è arrivato il carteggio ed è corretto. Se c’è gente che non è d’accordo… se passasse questo principio sarebbe finita”. Il prefetto ha poi bollato gli scontri come “una cosa indecente e indecorosa. Auspico che le forze dell’ordine denuncino, in modo tale che queste persone abbiano sulla propria fedina le cose di cui si sono macchiate”.

Residenti: “CasaPound ci ha difesi. Sassi a pullman? Risposta a carica”
Le proteste di Casale San Nicola, comprensorio di Roma nord tra l’Olgiata e la Storta, durano ormai da diversi giorni, dopo il via libera del prefetto. Accanto agli abitanti si sono visti spesso anche gli attivisti neofascisti di CasaPound. Secondo alcuni manifestanti questa mattina i militanti non hanno agito in nessun modo “fino a quando le donne sono state aggredite e sono intervenuti in loro difesa“. “Sono stati buoni e immobili fino allo sgombro della polizia – spiega Francesca, abitante della zona – noi abbiamo sempre detto che non abbiamo bandiere e che molti parti politiche sono venute in nostro sostegno in questi giorni, da sinistra a destra”. Sul lancio di bottiglie contro il pullman dei migranti, i residenti non confermano ma spiegano che “se è successo è perché la carica è stata violenta”.

Due arresti e un denunciato per i tafferugli. Procura apre indagine
Al termine dei tafferugli sono state arrestate due persone, mentre un’altra è stata denunciata. In tutto sono quindici i manifestanti identificati, sui quali sono in corso accertamenti. Intanto la procura ha aperto un’indagine. Sono stati acquisiti diversi filmati che permetteranno di verificare eventuali responsabilità.

M5S incontra una delegazione del comitato di protesta
Una delegazione di parlamentari, consiglieri comunali e municipali del Movimento 5 Stelle riceverà alla Camera alcuni cittadini del comitato spontaneo di Casale San Nicola. “Vogliamo comprendere le ragioni degli abitanti del quartiere che hanno organizzato un presidio e capire quali iniziative, parlamentari e non, sia necessario adottare per mettere fine ai disordini”, dichiarano i 5 Stelle capitolini.

Quinto di Treviso, migranti allontanati dopo le proteste
Nel frattempo arriva la “vittoria” dei residenti di Quinto di Treviso che per protestare contro l’arrivo di un gruppo di profughi erano arrivati a dare alle fiamme mobili e materassi. I migranti, infatti, saranno fatti allontanare entro sera, come annunciato dal sindaco Mauro Dal Zilio (Lega Nord). E, aggiunge Dal Zilio, saranno condotti nell’ex caserma Serena, situata al confine tra Casier e Treviso: si tratta di una struttura vuota, non utilizzata dai militari e dotata di tutte le condizioni per poter accogliere i profughi. Anche nella serata di giovedì 16 gli abitanti, assieme ai militanti della Lega Nord e di Forza Nuova, hanno manifestato davanti alla palazzine durante le trasmissioni che le reti televisive nazionali hanno dedicato alla vicenda.

Venezia, sindaco dice no al prefetto: “Non ci sono più posti per accogliere migranti”
Il fronte caldo della protesta contro l’accoglienza migranti rimane comunque il Veneto. A ribellarsi alle decisioni dei prefetti sono soprattutto i sindaci. Come il primo cittadino di Venezia Luigi Brugnaro che ha risposto con un no secco alla richiesta del prefetto Domenico Cuttaia di ospitare altri profughi in città. “Semplicemente – ha detto Brugnaro – non è possibile farlo. Il popolo italiano dice che non c’è più posto, ma lo dicono anche la logica e la fisica. Sarà quindi il prefetto ad assumersi la responsabilità storica del suo operato. Anche perché l’imposizione non è integrazione”.

Padova, sindaco Bitonci a prefetto: “Proposta per accogliere profughi irregolare”
Mentre per il sindaco di Padova Massimo Bitonci la decisione della prefettura di allestire strutture temporanee per l’accoglienza di profughi in una ex caserma contiene delle irregolarità. “L’area della ex Caserma Prandina – ha affermato il primo cittadino – risulterebbe intestata al Demanio Patrimoniale dello Stato e data in gestione al Demanio Civile. Non solo: è classificata quale ‘Area per Servizi Pubblici’ e rientra nel sistema bastionato. E’ quindi sottoposta a vincolo da parte della Sovrintendenza ai Monumenti. Il vincolo prevede che ogni intervento sia effettuato previo parere favorevole della Sovrintendenza, parere mai chiesto”.

Salvini: “Non rompete le palle a chi protesta, accogliete i migranti in prefettura”
La rivolta di amministratori e cittadini ha trovato subito l’appoggio di Matteo Salvini: “Roma, Treviso, Livorno, Bergamo, Piacenza: prefetti, invece di rompere le palle ai sindaci e ai cittadini (italiani e immigrati regolari) che protestano, fate il loro lavoro e smettete di coccolare migliaia di clandestini. Accoglieteli in prefettura o a casa vostra, se proprio li volete. Vabbè che dipendete da Alfano ma vergognatevi!”, ha scritto su Facebook il segretario federale della Lega Nord.