Spese private con soldi pubblici. Matrimonio da mille e una notte e argenteria pagati con i soldi dei contribuenti. Tradotto nel codice penale: peculato. Che a Carlo Sanjust e Onorio Petrini, due ex consiglieri regionali della Sardegna, costerà il carcere, rispettivamente tre anni e due anni e quattro mesi. Queste le condanne pronunciate dal Gup del tribunale di Cagliari, Ornella Anedda, nell’ambito dello scandalo dei fondi ai gruppi consiliari. Per Sanjust è scattata l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, mentre Petrini sarà inibito per gli stessi anni della condanna. Il pm Marco Cocco aveva chiesto 3 anni e 4 mesi per il primo, 2 anni e 4 mesi per il secondo.

Imputati con i due politici anche l’imprenditore cagliaritano Riccardo Cogoni, che ha patteggiato un anno e otto mesi per aver emesso fatture false a beneficio di Sanjust. Il giudice ha disposto il rinvio degli atti in Procura per contestare a Sanjust una presunta truffa legata al pagamento di una fattura quando capogruppo del Pdl non era più Mario Diana – anche lui a processo per peculato – ma Pietro Pittalis, quest’ultimo all’oscuro di tutto e dunque vittima, secondo l’accusa, della truffa. Difeso dagli avvocati Carlo Amat e Francesco Marongiu, Sanjust era presente in aula alla lettura della sentenza, così come Petrini – difeso da Giancarlo Mereu – e a Cogoni – assistito da Anna Maria Busia e Massimiliano Ravenna.

I tre erano finiti sotto inchiesta nell’ambito delle indagini sui fondi ai gruppi del Consiglio regionale della Sardegna. In particolare, i due esponenti del Pdl erano accusati il primo di essersi pagato il banchetto nuziale con i soldi del gruppo (23 mila euro), il secondo di aver comprato dell’argenteria. Entrambi avevano poi restituito le somme contestate. Sanjust e Cogoni, assieme a Mario Diana, erano stati anche arrestati su ordine di custodia cautelare del Gip il 6 novembre 2013.