Il giorno dopo di Atene assomiglia alla mattina dopo una grossa sbronza. In tanti in fila ai bancomat. Tutti in cerca dei 50 euro perché “i biglietti da 20 sono finiti, quindi non possiamo prendere 60”. La rabbia tra i greci cresce e le dimissioni di Varoufakis sono prese con sollievo dai cittadini in coda: “il popolo ha votato per chi ha fatto le migliori promesse, ma per quanto ne so tutti i politici sono bugiardi”  di Cosimo Caridi