“Paola Binetti? Vaffanculo”. Al Gaypride 2015 di Roma, dal carro principale si manda a quel paese chi è considerato responsabile dello stallo sui diritti civili. “La mia vita non merita la mediazione con Alfano, no a diritti con il contagocce”, dichiara poi il leader di Sel, Nichi Vendola, presenta al corteo  di Irene Buscemi