Il Movimento Cinque Stelle consegna al Senato 200mila firme raccolte in sei mesi di banchetti nelle piazze per il referendum anti-euro. “Le conseguenze del nostro ingresso nell’Unione monetaria sono chiare a tutti – afferma il senatore Vito Crimi fra i promotori dell’iniziativa – abbiamo ceduto la nostra sovranità ai soprusi della Bce“. Per “interpellare i cittadini”, il Movimento Cinque Stelle ha raccolto le firme per una legge di iniziativa popolare che prevede l’indizione di un referendum di indirizzo, al momento non previsto nell’ordinamento, sulla permanenza italiana nell’Unione monetaria. “Tanti esperti hanno dimostrato che uscire dall’euro non è una cosa tragica. Non possiamo scendere ancora più in basso: fuori dall’euro si può solo risalire”. Su un possibile fronte comune con la Lega di Salvini su questo tema, Crimi non sembra possibilista: “Da parte loro solo fuffa e propaganda, utilizzano lo slogan “Fuori dall’euro” solo per le campagne elettorali”  di Annalisa Ausilio