Curare il tumore con il bicarbonato. “Una follia”, dicono gli esperti. Eppure questa follia fa bella mostra di sé, anche sul web. Dove si incontra un medico italiano che promette miracoli. Si chiama Tullio Simoncini e l’idea di fondo che sta alla base della sua cura è semplice: il cancro è un fungo e il bicarbonato lo combatte, senza alcun effetto collaterale. I giornalisti Maria Roselli e Fabio Pellegrinelli di Patti chiari, trasmissione della Radiotelevisione svizzera italiana, sono arrivati a Roma dove Simoncini riceve i suoi pazienti. Hanno scoperto centinaia di persone disposte per disperazione a sottoporsi a pratiche pericolose e senza basi scientifiche, connivenze con cliniche che praticano di nascosto questa cura, addirittura malati deceduti a causa del trattamento. L’oncologo in questione però, nonostante sia stato radiato dall’ordine dei medici italiano e condannato per omicidio colposo, continua imperterrito a dispensare la sua saggezza e riceve pazienti da tutta Europa. Nell’inchiesta di Patti chiari, in onda questa sera, venerdì 29 maggio, alle 21.10, parla per la prima volta la madre di una delle vittime del trattamento a base di bicarbonato, vicenda per la quale il dottor Simoncini viene processato proprio in queste settimane. La puntata è visibile anche in diretta web su tvsvizzera.it e in Video on demand dopo la messa in onda. Il servizio è firmato da