“Ho sentito dire a Matteo Renzi che certi candidati non li voterebbe. Beh, io credo che avrebbe dovuto dire: ‘Io non li candiderei’. C’è una bella differenza sul piano della responsabilità”. Claudio Fava, deputato del gruppo Misto, è vicepresidente della commissione parlamentare Antimafia, che ha appena avviato una “verifica” sui candidati alle prossime elezioni regionali. Lo scopo è stilare una lista degli impresentabili prima del voto del 31 maggio, basandosi sul codice di autoregolamentazione per i partiti, che li invita a non candidare “soggetti che risultano coinvolti in reati di criminalità organizzata, contro la Pubblica amministrazione, di estorsione e usura, di traffico di sostanze stupefacenti, di traffico illecito di rifiuti” e in altre “gravi condotte”, come le definisce il testo. “Per la prima volta in Italia, faremo una fotografia preventiva dei candidati per metterla a disposizione degli elettori”, spiega Fava.

Il tempo è poco e i candidati sono migliaia. La presidente della commissione Rosy Bindi ha ammesso: “È un lavoro enorme, ci soffermeremo sulle regioni che presentano maggiori criticità”.
Non potevamo iniziare prima, le liste sono state chiuse pochi giorni fa. Ma abbiamo gli strumenti per i riscontri.

Come è nata l’idea?
La verifica l’ho proposta io, e mercoledì scorso tutto l’ufficio di presidenza della commissione si è detto favorevole.

Avete letto della valanga di impresentabili e vi siete mossi.
Noi ci informiamo, anche tramite la stampa.

Come si svolgerà la verifica?
Chiederemo l’elenco dei candidati a tutte le prefetture, poi li incroceremo con i dati su rinvii a giudizio e carichi penali pendenti, grazie ai magistrati e agli ufficiali di collegamento con i corpi dello Stato che lavorano con noi. L’importante è che le prefetture si attivino.

Già in passato la commissione antimafia si era espressa sulle candidature.
Certo, ma sempre dopo il voto. La novità è che questa volta lo faremo prima, basandoci sui poteri previsti dall’articolo 4 del codice di autoregolamentazione, approvato all’unanimità da tutti i partiti nel settembre scorso.

Tradotto?
Indicheremo i candidati sottoposti a misure di prevenzione, rinviati a giudizio o condannati in primo grado per reati gravi, che vanno dall’associazione mafiosa all’estorsione.

E i trasformisti?
(Sorride, ndr) Quello è un tema di opportunità politica. Noi cerchiamo soggetti coinvolti in situazioni rilevanti a livello giudiziario.

La commissione però non può escludere gli impresentabili.
Certo, non abbiamo poteri sanzionatori. Ma potremo dimostrare dove e come i partiti non hanno mantenuto gli impegni.

Avete già un quadro dei nomi? Si dice che vi concentrerete sulla Campania.
Non solo: ci sono diversi casi in Calabria. A Lamezia Terme hanno arrestato un candidato del centrodestra al consiglio comunale per traffico internazionale di stupefacenti. Certo, in Campania, in certe liste di sinistra e non, trovi quello che trovi.

Il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Luca Lotti assicura: “Conosco bene la lista dei Democratici della Campania e non vedo impresentabili”. E in serata Renzi ha detto lo stesso.
Ricordo a Lotti che il codice impegna i partiti non solo a non presentare, ma anche a non sostenere “indirettamente o attraverso il collegamento con altre liste” gli impresentabili. Le liste civiche non possono essere un purgatorio dove scaricare tutto e pulirsi la coscienza.

Per il premier “in Campania ci sono liste con impresentabili che io non avrei messo”.
È una furbata. Gli impresentabili sono in civiche collegate anche al Pd, perché portano voti. Lo ripeto, l’impegno era quello di non sostenerli, quindi anche di non usarli.

Da Il Fatto Quotidiano del 16 maggio 2015

LA PRECISAZIONE DEL CDU DI LAMEZIA TERME

Con la presente si invita a voler dare lo stesso spazio a quanto il Cdu di Lamezia ha posto in essere già prima delle presentazione delle liste. Informative chieste ai vari organi (prefettura, Procura, Commissione Antimafia e DDA) e poi richieste nuovamente.
I lettori vanno altresì informati che la sede della Protezione Civile di Pianopoli fu intitolata al padre del Candidato del Cdu coinvolto nella vicenda giudiziaria richiamata nel Vostro articolo.
In conclusione si ribadisce che il sign. Franco Fazio al momento della candidatura non aveva nessuna condanna sul casellario giudiziario e non aveva carichi pendenti e neanche “chiacchierato” atteso che svolge attività di volontariato.
Va detto ancora che, Franco Fazio, fu candidato, non eletto, alle elezioni comunali di Pianopoli del 2009 nella Lista Civica “Uniti per Cambiare” guidata dal candidato Sindaco Lucio Rifiorati (lista di estrazione SEL, IDV e altri).

Giuseppe Folino, referente cittadino Cdu Lamezia Terme

Prendiamo atto della precisazione, fermo restando che l’intervistato si è limitato a riportare il dato di cronaca dell’arresto del candidato. (redazione ilfattoquotidiano.it)