“Siamo qui per far capire ai terroristi del Bardo che non ci spaventano. Siamo per la resistenza, ma contro il terrorismo” Si è aperto oggi a Tunisi il quindicesimo World Social Forum a cui prenderanno parte oltre 5mila associazioni provenienti da tutto il mondo. I partecipanti devono passare attraverso metal detector e un controllo della polizia, misure speciali volute dalle autorità dopo l’attentato della settimana scorsa al museo del Bardo. “L’attacco terroristico è stato contro la Tunisia, ma anche contro il Forum – spiega un sindacalista delle Canarie – perché il forum è uno spazio di libertà”.  Tanti gli incontri programmati nei prossimi giorni dagli altermondisti, che si concluderanno con la partecipazione alla marcia di domenica 29 il cui slogan sarà “Le monde est Bardò” di Cosimo Caridi