Mussolini è affascinante da studiare come personaggio storico, ma fascismo e comunismo sono archiviati dalla storia, guardiamo avanti”. Così il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, risponde sui recenti avvicinamenti del suo partito all’associazione Casapound, a margine del tour toscano che lo ha visto relatore nella biblioteca comunale di Bagno a Ripoli (Firenze). Ad aspettarlo però, sul posto, c’era un presidio antifascista: “Non si può accettare che dopo settanta anni si riparli di fascismo” spiega un ex partigiano. Durante il suo discorso, Salvini ha attaccato il mondo islamico: “Il mio problema non è solo il terrorista che brucia l’essere umano, ma anche l’islamico moderato che ritiene che la donna valga meno dell’uomo – spiega il segretario, specificando con una battuta – quelli che pensano che l’uomo può avere quattro mogli: pensate che rottura di palle peraltro, che fatica”. Infine, Salvini, si è scagliato contro la magistratura: “I giudici sono uno dei problemi più gravi d’Italia, perché non rispondono a niente e a nessuno di quello che fanno”  di Max Brod