Esilarante esibizione di Maurizio Crozza che, nella sua copertina che apre “Dimartedì” (La7), si cala nelle vesti del nuovo capo dello Stato, Sergio Mattarella: “Il mio romanzo preferito è la Gazzetta Ufficiale. Vi prego, non ditemi come va a finire. Mi dispiace di essere qui a colori. Io sono un uomo in grigio, io sulla mia scrivania ho anche gli evidenziatori grigi, io sono un uomo che ha vissuto la vita in 36ma fila”. E aggiunge: “Quando ero piccolo, a scuola, ero così poco notato che i miei compagni mi appendevano i cappotti addosso. All’appello ero segnato alla voce “altri”. Pensate che nella foto della mia patente io sono quello dietro. Sono così poco notato che alla bouvette di Montecitorio ho ordinato un caffè nell’83 e lo sto ancora aspettando“. Il comico scoppia a ridere nella sua parodia del presidente della Repubblica, poi riprende: “Il mio primo pensiero va a chi ora può concedersi un meritato riposo: Enrico Mentana. E consentitemi anche di condividere con tutti voi una buona notizia per il nostro Paese: Alessandra Sardoni è stata liberata, sta bene e sta tornando a casa