“Se qualcuno pensa che una vicenda come quella che sto vivendo possa concludersi in maniera burocratica, e mi riferisco anche a qualcuno del Pd, con un saluto e una stretta di mano se lo tolga dalla testa”. E’ quanto assicura il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca nel corso della conferenza stampa a Palazzo di Città convocata dopo la condanna in primo grado per abuso d’ufficio relativa alla costruzione di un termovalorizzatore in provincia di Salerno nel 2008. “Solo qualche squinternato – prosegue De Luca – poteva pensare di trovare a mio carico un reato per peculato. Io non intendo arretrare di un millimetro, dalle primarie non mi ritiro”. Dichiarazioni che arrivano mentre dalla Prefettura si apprende del dispositivo di sentenza che potrebbe far scattare nelle prossime ore la sua sospensione dalla carica di sindaco, secondo quanto stabilito dalla legge Severino   di Fabio Capasso