“La gestione del nome del prossimo Presidente della Repubblica da parte di Renzi e Berlusconi è ignobile. Sta diventando una realtà un ‘Presidente del Nazareno’ ed il Paese non se lo può permettere, abbiamo bisogno del miglior Presidente possibile”. Andrea Cecconi, deputato ed ex capogruppo del M5S, fa il punto a Monetcitorio sul Capo dello Stato, dopo la richiesta di Beppe Grillo a Matteo Renzi di ‘fare i nomi’. Anche se Renzi ha già annunciato che farà il nome solo il giorno prima dell’inizio delle votazione per il Colle, questo rischia di marginalizzare il M5S? “Renzi gestisce il Paese come se fosse la sua azienda di famiglia, l’elezione non è una partita a carte segrete stanze con ricatti non è tollerabile”. Ma come farà ad incidere sul prossimo Capo dello Stato? “I malumori sulla gestione Renzi arrivano anche dall’interno del Pd e di Forza Italia e la sua sicurezza per una rapida elezione, la ritengo un’illusione, è un tweet, ma non è la realtà. Chiediamo a Renzi di fare i nomi – continua Cecconi – se questo non dovesse avvenire, faremo tutto il possibile per coinvolgere i cittadini” perché no alle ‘Quirinarie’? Perché chiediamo, questa volta i nomi a Renzi, allagheremo quella scelta anche alle altre forze presenti in parlamento e poi i cittadini avranno la decisione finale”  di Manolo Lanaro