Stanze segrete nel Bed & Breakfast per spiare e filmare di nascosto i clienti in camera. I carabinieri della Stazione Torino Campidoglio hanno denunciato il titolare, un italiano di 72 anni, che abita in provincia di Torino, che aveva creato tre stanze nascoste da finti armadi con appositi fori camuffati da nottolini di serratura, per vedere e filmare i clienti.

Le persone spiate sarebbero decine, ma le indagini devono chiarire se lo scopo del titolare fosse quello di ricattare coppie. Il titolare è stato denunciato in stato di libertà per interferenze illecite nella vita privata. Mentre l’intero immobile, che si trova nel quartiere Parella, è stato sequestrato.

A far scattare e indagini dei carabinieri è stata la denuncia di una coppia che aveva affittato la stanza: sentendo dei rumori provenire dall’armadio “come se ci fosse qualcuno all’interno – ha raccontato il giovane ai militari – ho acceso la luce e ho osservato da vicino l’armadio. In particolare mi sono accorto, con l’aiuto di una pila, che il pannello che stava dietro all’armadio aveva una grande apertura che dava su una altra stanza che in quel momento era buia. Nello stesso momento abbiamo sentito dei rumori provenienti dal corridoio, ho fatto finta di andare in bagno, sono uscito dalla camera e ho visto il proprietario uscire dalla camera attigua alla nostra”. Nella perquisizione i carabinieri hanno trovato le stanze segrete, attrezzate con sedie e cuscini.