Due manifestazioni di segno opposto nella città di Bergamo, con numerosi agenti dei carabinieri schierati per impedire che il corteo contro l’omofobia passasse vicino alle ‘sentinelle in piedi’, che leggevano libri in silenzio in ‘difesa della famiglia tradizionale’. Dopo la manifestazione ‘solitaria’ di un mese fa, questa volta il ‘finto nazista’ Giampietro Belotti ha raccolto numerosi adesioni: “Spero che le sentinelle in piedi vedano la luce e la smettano con l’omofobia”  di Francesca Martelli