“Lavorerò per la scienza e al servizio della pace”. Fabiola Gianotti, 52, romana, è il nuovo direttore generale del Cern di Ginevra. Prima donna in assoluto a ricoprire questo incarico in 60 anni di vita del Centro europeo per la ricerca nucleare. La Gianotti era stata tra i protagonisti della prova dell’esistenza del bosone di Higgs, la cosiddetta “particella di Dio”. Inclusa nel 2012 dalla rivista Time fra le cinque personalità dell’anno, la studiosa italiana era stata a inizio anno nominata tra i 26 scienziati del Comitato scientifico consultivo delle Nazioni Unite voluto dal Segretario generale Ban Ki-moon, dopo aver coordinato per anni il gruppo di 3000 scienziati di ATLAS, uno dei due esperimenti, grandi come cattedrali, che hanno permesso d’imbrigliare la particella.

La scienziata sarà direttore del Cern per 5 anni, a partire dall’1 gennaio 2016: “Lavorerò per la scienza e al servizio della pace. È un grande onore e responsabilità per me essere stata scelta come il prossimo direttore generale del Cern dopo 15 predecessori illustri. Il Cern è un centro di eccellenza scientifica e una fonte di orgoglio e di ispirazione per i fisici di tutto il mondo. Il Cern è anche una culla per la tecnologia e l’innovazione, una fonte di conoscenza e di educazione e un sfolgorante esempio concreto di cooperazione scientifica a livello mondiale e la pace. È la combinazione di questi quattro attività che rende il Cern così unico, un posto che fa gli scienziati migliori e persone migliori. Mi impegnerò totalmente per mantenere l’eccellenza del Cern in tutte le sue attività, con l’aiuto di tutti, tra cui il Consiglio del Cern, lo staff e gli utenti di tutto il mondo”. Tante le attese per il futuro, quando nella primavera del 2015 rientrerà in funzione il grande acceleratore Lhc: ”saranno ancora tante – ha detto – le sorprese che la natura ci riserverà”.

La scienziata: “Un grande Cern è anche una culla per la tecnologia e l’innovazione, una fonte di conoscenza e di educazione e un sfolgorante esempio concreto di cooperazione scientifica a livello mondiale e la pace

“La scelta di Fabiola Gianotti è stata motivata dalla sua visione del futuro del Cern, unita alla profonda conoscenza delle particelle elementari” dice Agnieszka Zalewska, presidente del Cern Counsil. Una nomina importante quella della Gianotti nell’anno in cui il Cern festeggia i suoi primi 60 anni di attività riprogettando il proprio futuro. Più di mezzo secolo di scoperte, che hanno permesso di estendere i confini della conoscenza sulla natura più intima della materia e sui primi vagiti dell’universo. Un luogo il Cern in cui si possono ascoltare molte lingue e dove si confrontano ogni giorno circa 10mila studiosi di più di 100 Paesi, la maggior parte giovani menti. In una intervista al fattoquotidiano.it la scienziata aveva spiegato che la mission del Cern è la “caccia alla materia oscura”.

“La scoperta del bosone di Higgs rappresenta un passo avanti gigantesco nella conoscenza della fisica fondamentale perché – aveva detto al Fatto.it – ci permette di spiegare l’origine delle masse delle particelle elementari, fra cui gli elettroni e i quark, i componenti fondamentali dell’atomo. Se gli elettroni e i quark non avessero massa, l’atomo non potrebbe esistere come sistema legato e stabile, e senza atomi non ci sarebbero gli elementi chimici e quindi la materia come la conosciamo. Noi stessi e l’universo non esisteremmo o avremmo forme completamente differenti. Il bosone di Higgs è quindi una particella chiave per spiegare la struttura dell’universo e la nostra stessa esistenza”. La scoperta era valsa il Nobel a Higgs ed Englert.

“Mi impegnerò totalmente per mantenere l’eccellenza del Cern in tutte le sue attività, con l’aiuto di tutti, tra cui il Consiglio del Cern, lo staff e gli utenti di tutto il mondo

Un grande successo per la scienza italiana – dice il ministro per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca, Stefania Giannini -. Il ministro augura quindi a Fabiola Gianotti “ulteriori grandi successi, oltre a quelli che ha già ottenuto nella sua brillante carriera”. Congratulazioni anche da parte del neo ministro degli Esteri, Paolo Gentiloni: “È il meritato risultato di una vita dedicata alla fisica nucleare e le auguro di conseguire altri e tanti risultati nel suo nuovo incarico”.

“La nomina di Fabiola Gianotti alla direzione generale del Cern è anche un riconoscimento al valore della fisica italiana – dice il presidente dell’Istituto nazionale di Fisica Nucleare (Infn), Fernando Ferroni, che fa gli auguri a neodirettore con un grande “in bocca al lupo! È con grande emozione e soddisfazione che apprendiamo della nomina. A Fabiolavanno le mie personali congratulazioni e quelle di tutto l’Infn per essere stata scelta a dirigere il più prestigioso laboratorio di fisica del mondo intero. Sappiamo che sarà all’altezza di questa alta responsabilità e che guiderà con classe e sicurezza il Cern verso nuovi successi”. Ferroni osserva che “l’Italia ha un rapporto speciale con il Cern dal suo inizio, con Edoardo Amaldi tra i padri fondatorì’ e poi con “i successi degli esperimenti Lhc, a maggioranza diretti da fisici italiani, suggellati dalla scoperta del bosone di Higgs, passando per il premio Nobel a Carlo Rubbia, anche lui direttore generale, come pure Luciano Maiani”. Adesso, aggiunge, ”accogliamo con una gioia immensa l’elezione di Fabiola Gianotti al vertice del grande laboratorio, che così sarà ora diretto da una italiana, figlia della nostra scuola, che dimostra la sua vitalità e visibilità a livello globale. Per l’Italia è un riconoscimento straordinario, e per l’Infn la conferma delle sue scelte scientifiche e formative, e un incoraggiamento a continuare nella direzione dell’eccellenza senza compromessi“.