“Non faccio altro: mattina sera e pomeriggio”. Il segretario generale della Fiom, Maurizio Landini, scherza così sulle recenti affermazioni del premier Matteo Renzi, il quale ha detto di sentirsi con lui quotidianamente, e aggiunge: “Forse al premier fischiano le orecchie”. Intervenuto all’assemblea provinciale dei delegati Fiom di Firenze, Landini critica il voto sulla fiducia per il Jobs Act: “Al Parlamento diciamo: provate a fare il Parlamento. Perché se continuano a votare fiducie su fiducie, è meglio chiuderlo”. Sulla sua possibile candidatura in politica infine, chiarisce: “Ho ancora tre anni di mandato e vorrei provare a completarlo. Soprattutto per rispetto degli iscritti e dei lavoratori”  di Max Brod