Gode di ottima salute l’esercito dei puniti dalla legge premiati in Parlamento. L’Italia che non spende perché in deflazione, quella che s’attaccata agli 80 euro e alla promessa del tfr in busta paga ne ha in quantità. E imperterrita continua a versare pensioni ai tangentari di ogni legislatura. Nessuno in vent’anni ha impedito la beffa che ormai è storica, sistemica e ciclicamente vien fuori a sfidare la resistenza dei cittadini.

Quando dall’inchiesta sugli appalti Expo è rispuntato il suo nome, provocò sorpresa e sdegno: ecco, a volte tornano. Poi si è scoperto che Gianstefano Frigerio, classe 1939 e diverse condanne sul gobbo, in realtà non se n’era mai andato. E che dallo Stato ha continuato a percepire un vitalizio per i suoi cinque anni da deputato. Soldi che perfino oggi, tornato in cella per via della corruttela che accompagna la manifestazione milanese, gli vengono versati puntualmente, ogni mese. Ora si sa anche la cifra: riceve più di duemila euro al mese, 2.142,19 per la precisione. La notizia della pensione era circolata dopo l’arresto e aveva suscitando un certo clamore. Perfino il presidente del Senato Pietro Grasso aveva avanzato, e non per primo a dire il vero, la proposta di abolire i vitalizi agli ex parlamentari che hanno riportato condanne. La cosa, manco a dirlo, è finita sul binario morto con vari pretesti: le tecnicalità dell’abolizione (interrompere alla prima condanna o all’ultima?) e il rischio di incorrere nei rincorsi dei condannati pronti a far valere in aula un diritto acquisto e dunque intoccabile. Qualcuno che abbia rinunciato spontaneamente al beneficio? Nessuno. Gli onorevoli condannati e super-pensionati resistono a tutto. Eccoli.

Mani ripulite e vitalizi assicurati

A scandagliare la lista dei vitalizi dei parlamentari “cessati” pubblicata da ilfattoquotidiano.it si scopre che Frigerio è in buona compagnia. C’è un pezzo intero di Tangentopoli che riesce a conservare uno stile di vita ben oltre il dignitoso grazie a una manciata d’anni in Parlamento. Partiamo dagli ex socialisti. Scorrendo l’elenco si incontra l’assegno previdenziale che Montecitorio versa ancora all’ex ministro Claudio Martelli, una degli ultimi politici ad affondate in Mani Pulite. Condannato in via definitiva nel 2000 resuscita nei panni del filantropo, di consulente di ministri e del giornalista televisivo. Ma soprattutto pensionato di lusso: potrà permettersi di sperimentare tutti i suoi talenti anche grazie al vitalizio da 4.992,2 euro.

L’assegno in conto Tangentopoli va avanti con i nomi dei craxiani Giuseppe La Ganga (5mila euro), dell’ex ministro del Bilancio Pietro Longo (4.992) e poi l’ex sindaco di Milano, Gianpaolo Pillitteri. Mentre scontava la sua condanna per ricettazione, la Procura non gli consentì di presenziare al funerale del cognato Craxi. Ma nessuno gli ha mai impedito d’incassare la pensione da onorevole: 3.016 euro. Stesso trattamento è riservato al sodale Carlo Tognoli, pure ex sindaco di Milano e più volte ministro della Repubblica. Gianni De Michelis, condannato a un anno e sei mesi patteggiati per corruzione nell’inchiesta sulle tangenti autostradali del Veneto, incassa 5.517,59 euro. Tra i democristiani doc spicca il pensionato Forlani Arnaldo, delfino di Fanfani scivolato sulla maxitangente Enimont che gli costerà una condanna a due anni e quattro mesi per finanziamento illecito. Ma non smetterà mai di guadagnare, grazie alla pensione da 6.062 euro, sempre nette. La stessa tangente costerà a Paolo Cirino Pomicino un anno e otto mesi cui si aggiunge la condanna a due mesi per corruzione nell’inchiesta su fondi Eni: la sua pensione costa invece oggi ai contribuenti italiani 5.573,22 euro (netti) al mese. Una delle foto che fecero scalpore negli anni di Tangentopoli ritraeva il capoufficio stampa Dc Enzo Carra con le manette ai polsi. Era il 4 marzo del 1993. L’esposizione mediatica del giornalista in manette scatenò l’indignazione antigiustizialista. Sarà condannato in via definitiva a 1 anno e 4 mesi per false dichiarazioni a pubblico ministero. Riabilitato, sarà poi eletto nella fila del Pd e poi dell’Udc. Lasciato lo scranno, riceve 3.979 euro netti di pensione al mese. E nessuno si è indignato mai.

Di Renato Altissimo, vent’anni in Parlamento e gran collezionista di ministeri nella Prima Repubblica, si è tornati a parlare proprio quest’anno, quando insieme a Carlo Scognamiglio e Alfredo Biondi ha annunciato il vago e mai del tutto pervenuto movimento de “I Liberali”. Si riaffacciava alla politica pensando di aver chiuso i conti con la giustizia che a seguito di Mani Pulite gli aveva inflitto una condanna a 8 mesi per finanziamento illecito diventata definitiva nel 1998. La tesoreria della Camera dei Deputati gli versa la bellezza di 5.175 euro al mese. Altro liberale con la pensione d’oro è l’ex ministro Francesco De Lorenzo. Coinvolto nello scandalo di Tangentopoli, per il quale ha avuto una condanna definitiva (5 anni) per associazione a delinquere finalizzata al finanziamento illecito ai partiti, poi annullata dalla Cassazione per vizio di forma. Confermato invece il danno di immagine al ministero per 5 milioni di euro, soldi che lui sta ancora pagando allo Stato ma che dallo Stato, a ben vedere, arrivano: dopo 15 anni in Parlamento incassa una pensione da 4mila euro netti al mese.

 

Condannato per mafia, ma lo Stato paga ancora

Forse la pietra della scandalo sono loro. Quelli che anche se lo Stato li condanna per mafia come nemici, salvo trattative, poi li paga. Prendiamo tre parlamentari “eccellenti”. Marcello Dell’Utri, fuggiasco in Libano senza fortuna, attualmente soggiorna nella casa circondariale di Parma. Sconterà una condanna definitiva a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa e altri procedimenti a suo carico sono pendenti. I magistrati di Palermo che indagano sulla “Trattativa” danno ora la caccia alle ricchezze che avrebbe fatto sparire per garantirsi una latitanza dorata. Ma non sarà mai povero in canna. Perché anche se poi trovassero il suo tesoro lui potrà contare su un paracadute lanciato dalle istituzioni democratiche: per tutto questo tempo in cella, lamentando l’assenza di libri, continuerà ad accumulare il vitalizio che non decade mai e a lui garantisce ogni mese 4.985,11 euro netti. Così si realizza il paradosso per cui quella parte di Stato che si contrappone alla mafia si trova contra un altro pezzo di Stato, le istituzioni, che ne foraggia gli ufficiali di collegamento passati per sentenza.

Dell’Utri non è mica il solo. Senza un intervento legislativo l’andazzo sarà lo stesso per i Matacena, i Totò Cuffaro e tanti altri che la legge punisce e il Parlamento premia. Tra gli altri, Cesare Previti che ha subìto una condanna per corruzione in atti giudiziari e riceve un vitalizio di 4.235,89 euro. C’è anche Vito Bonsignore (3.162,24), condannato definitivamente a due anni per tentata corruzione. L’ex ministro Alfredo Biondi che ha patteggiato due mesi per evasione fiscale e lo Stato lo ripaga per questo “rendendogli” ogni mese 6.939,81 euro.

Se proprio non si vuole l’abolizione, così iniqua verso il giusto diritto alla riabilitazione del condannato, si potrebbe almeno modulare il beneficio secondo la pena o il reato accertato. Anche perché l’effetto di questo sistema perverso, alla fine, è il trionfo del politico con l’inclinazione a delinquere: più anni passa in Parlamento e più a lungo beneficia dell’immunità, più resiste alla legge, al tempo, alle pressioni per mollare la poltrona e maggiore sarà il suo vitalizio. E infatti quella propensione si sbizzarrisce mentre le cifre erogate restano saldamente ancorate ai soli anni di permanenza o di contribuzione. La collezione dei reati messa insieme dagli onorevoli vanta specie d’ogni tipo. Aldo Brancher, ex manager Fininvest e falco di Forza Italia poi condannato per ricettazione e appropriazione indebita. Brancher, già beneficiario dell’indulto 2006, nel 2010 a 5 giorni dalla nomina ufficiale tentò di far valere il legittimo impedimento per non presentarsi all’udienza del processo sulla scalata ad Antonveneta che lo vedeva imputato. Sarà il ministro più breve della storia. Per lui ci sono comunque 3.444 euro netti al mese. Il triestino Giulio Camber, militante nelle fila della destra integralista cattolica, è stato 26 anni in Parlamento, una vita di lavoro. Militante, ma condannato a 8mesi per millantato credito. La Cassazione ha stabilito che il senatore, nel 1994, si era fatto dare cento milioni di lire da una banca decotta sostenendo che “servivano a comprare il favore di pubblici ufficiali” ed evitare il commissariamento dell’istituto. Non è millantato ma effettivo, invece, l’accredito di 6.409,96 euro che riceve ogni mese dal Senato. In fondo alla classifica l’ex sindaco di Asti ed ex deputato Fi Galvagno Giorgio. Era stato condannato a sei mesi per inquinamento delle falde acquifere, omissione di atti d’ufficio e falso ideologico. Ha un vitalizio di 1.645,38 euro.

*aggiornato da redazione web il 10 luglio 2015 alle 21.10