La senatrice del Movimento 5 Stelle, Elisa Bulgarelli, critica ancora la scelta di escludere dalle candidature per le elezioni regionali dell’Emilia Romagna Andrea Defranceschi perché indagato. “Io capisco che siamo un movimento appena nato, ma se si mettono delle regole nuove, sarebbe carino comunicarlo prima a tutti, così le persone – afferma – si preparano anche a quello che esce, visto che la votazione è stata aperta solo un giorno”. “Non è una questione personalistica su Andrea Defranceschi. Ovviamente tutti ci saremmo aspettati che sarebbe stato ricandidato per l’ottimo lavoro che ha fatto”, spiega la parlamentare. “E’ piuttosto la solita questione delle regole. All’inizio si facevano d’imperio, perché eravamo pochi. Adesso siamo tanti e dal movimento della trasparenza ti aspetteresti che le regole venissero fatte dalla Rete”. Alla festa del Movimento 5 stelle a Castello d’Argile, in provincia di Bologna, c’era anche Marco Affronte, neo eletto eurodeputato del Movimento. Affronte approva la richiesta di trasparenza del sindaco di Parma Federico Pizzarotti e di diversi parlamentari emiliani, che nei giorni scorsi hanno annunciato di volere boicottare la campagna elettorale dopo il caso Defranceschi, ma poi puntualizza: “Non credo che il boicottaggio per le regionali sia una buona idea”  di David Marceddu