“Le casse vuote non sono un problema solo di Forza Italia. C’è crisi e si sente da tutte le parte”. Così, a margine della Summer School Magna Carta in corso a Frascati (in provincia di Roma), il consigliere politico di FI, Giovanni Toti, risponde alla domanda se una legge sul finanziamento privato dei partiti politici possa essere più efficace. “Oggi – continua Toti – i problemi di cassa sono di tutti i partiti, c’è bisogno di riorganizzarsi, di trovare forme di finanziamento chiare, limpide, che tutti contribuiscano a rendere meno caro il sistema della politica”. Il consigliore politico smentisce, quindi, il ‘pugno di ferro‘ imposto da Silvio Berlusconi nei confronti dei parlamentari azzurri insolventi. “Non è così: c’è solo la necessità – spiega – che tutti i nostri parlamentari contribuiscano attivamente al sostentamento del partito. C’è bisogno del contributo di tutti. E comunque Silvio Berlusconi non metterà i suoi soldi, perché la legge prevede che un privato possa versare solo 100mila euro”  di Annalisa Ausilio