Una canzone per ricordare Lea Garofalo, la testimone di giustizia uccisa nel 2009 per aver avuto il coraggio di rivelare importanti dettagli sugli affari delle famiglie malavitose che operavano in Lombardia. Il cantante sul palco della festa del Fatto Quotidiano ha risposto alle domande di Alessandro Ferrucci ed Enrico Fierro sul libro scritto assieme a Massimo Cotto “Identikit di un ribelle”. Un’occasione per riflettere sui temi dell’attualità visti con gli occhi dell’artista.