Le riforme non si toccano. Il Colle blinda senza esitazione la Costituzione che verrà fuori dal processo di modifica della Carta avviato dal governo di Matteo Renzi. Nella tradizionale cerimonia del Ventaglio, Giorgio Napolitano si erge a scudo del lavoro dell’esecutivo contro “spettri di insidie e macchinazione di autoritarismo” e così facendo suggella la rilevanza del patto del Nazareno stretto dal premier con Silvio Berlusconi. Proprio nel solco di quest’intesa, secondo Napolitano, dovrà essere finalmente avviata la riforma della giustizia. L’inquilino del Quirinale cita testualmente l’ex Cav per spiegare la molla che ha innescato il cambiamento: è arrivato “il riconoscimento espresso nei giorni scorsi da interlocutori significativi (Berlusconi, ndr) per ‘l’equilibrio e il rigore ammirevoli’ dei magistrati”. Le stesse parole usate dall’ex premier dopo l’assoluzione incassata nell’appello del processo Ruby.

“Non si agitino spettri di insidie e macchinazione di autoritarismo” sulla riforma del Senato”, scandisce Napolitano, il cui appello fa seguito alle recenti prese di posizione di Matteo Renzi (durante l’ultimo incontro con il M5S) e del ministro Boschi (ieri in Senato) contro le critiche del Movimento 5 Stelle. E ancora: “La discussione sulle riforme è stata libera, basta con i pregiudizi”, avverte il capo dello Stato. Il cammino intrapreso va portato a termine e ora la necessità è quella di “superare l’estremizzazione dei contrasti” nella “espressione del dissenso” sulle riforme, un’estremizzazione “ingiusta e rischiosa”. “Le ostilità” alle riforme costituzionali, ha detto ancora Napolitano, sono “dettate da una pregiudiziale diffidenza e contestazione che pregiudicherebbero ancora una volta l’esito della riforma della seconda parte della Costituzione”.

La Carta va cambiata perché “il bicameralismo paritario va superato, è una anomalia tutta italiana, un’incongruenza costituzionale sempre più indifendibile e fonte di gravi distorsione del processo legislativo”, ma “paradossalmente ha finito nelle polemiche recenti per essere quasi idoleggiato come un perno del sistema di garanzie costituzionali”, ha aggiunto Napolitano. D’altra parte quello delle riforme “è un impegno di cui il governo Renzi si è fatto iniziatore su mandato dello stesso Parlamento” che si espresse “a schiacciante maggioranza” nel maggio 2013. Il lavoro sarà lungo: dopo Senato e Titolo V, il parlamento sarà chiamato a definire la futura legge elettorale e Napolitano invita le parti politiche a trovare un accordo per non incappare in problemi di costituzionalità: “Il testo varato in prima lettura dalla Camera sulla riforma elettorale è destinato ad essere ridiscusso con la massima attenzione per criteri ispiratori e verifiche di costituzionalità che possono indurre a concordare significative modifiche”.

Ma all’orizzonte ci sono già altri obiettivi e Napolitano è ottimista: “Per condurre a conclusione” la riforma della giustizia “si delineano forse le condizioni per una condivisione finora mancata”. Cosa è cambiato? “E’ arrivato “il riconoscimento espresso nei giorni scorsi da interlocutori significativi per ‘l’equilibrio e il rigore ammirevoli’ che caratterizzano il silenzioso ruolo della grande maggioranza dei magistrati”. L’interlocutore significativo è Silvio Berlusconi che, assolto dalla Corte d’Appello di Milano nel processo Ruby, ha espresso “un pensiero di rispetto va poi alla Magistratura, che ha dato oggi una conferma di quello che ho sempre asserito: ovvero che la grande maggioranza dei magistrati italiani fa il proprio lavoro silenziosamente, con equilibrio e rigore ammirevoli“. 

Un passaggio del discorso ha riguardato anche la partita che il governo Renzi sta giocando in Europa: la nomina del ministro degli Esteri, Federica Mogherini, al vertice della diplomazia di Bruxelles: “L’Italia si considera in grado di concorrere su una sua personalità” alla figura di Alto Rappresentante per la politica estera europea “. Napolitano ha fatto, poi, cenno anche alle voci che si rincorrono da tempo sulla fine anticipata del suo mandato. “Vorrei potervi dissuadere dal gioco sterile delle ipotesi sull’ulteriore svolgimento delle mie funzioni da presidente – ha detto il capo dello Stato – è una valutazione che appartiene solo a me stesso, sulla base di dati obbiettivi che hanno a che vedere con la mia età, a voi ben nota. Ma, ve lo ripeto, non esercitatevi in premature e poco fondate ipotesi e previsioni. Sono concentrato sull’oggi. E ho innanzitutto ritenuto opportuno e necessario garantire la continuità ai vertici dello Stato nella fase così impegnativa nel semestre italiano di presidenza europea”.

Dura e immediata la replica del Movimento 5 Stelle: “Dalla vittoria alle politiche del 2013 del M5S stiamo assistendo a una Controriforma senza che vi sia stata una Riforma o un Martin Lutero – si legge in un post pubblicato sul blog di Beppe Grillo – neppure Mussolini ebbe la sfacciataggine del trio Napolitano-Renzie-Berlusconi, lui la dittatura la fece senza nascondersi dietro la parola “riforme” e la legge elettorale fascista Acerbo fu sicuramente più rappresentativa del corpo elettorale e rispettosa della democrazia del l’Italicum di Renzie e del noto pregiudicato”, scrive il leader del M5S.