L’ultima è stata a Italia ’90. Ora, a distanza di 24 anni, la ‘sua’ Argentina torna in finale a un Mondiale e Diego Armando Maradona non può che essere felice: “Contro l’Olanda la Seleccion non ha giocato bene, ma non ha neppure lasciato giocare gli avversari e questo è stato importantissimo. E battere la Germania non è impossibile“. Il Pibe de Oro rimanda Messi (“Si vede che accusa la stanchezza”) ma promuove a pieni voti Mascherano: “In campo è stato un esempio, ha giocato con grinta e autorevolezza”.

Maradona sente che la conquista della Coppa del mondo è vicina, nonostante l’avversario di domenica al Maracanà faccia paura: “Questa è una Nazionale in cui la gente si identifica, gli argentini devono continuare a festeggiare perché battere la Germania non è impossibile. Lo 0-4 contro i tedeschi di quattro anni fa in Sudafrica? Ora è diverso perché in Nazionale c’è gente che non gioca per i soldi, ma per amore della maglia“.

Secondo Dieguito, la forza della Seleccion di Sabella è la difesa: “Non ha mai lasciato gli olandesi arrivare sul fondo per fare il cross. Bene anche Perez e Biglia, hanno retto bene il peso che ha una maglia come quella della Nazionale. Garay? Sui palloni alti non ne ha perso uno e ha giocato con una tranquillità incredibile”.