”Non siamo preoccupati sui numeri in Aula”. Lo dice il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi in una pausa dei lavori in commissione Affari Costituzionali al Senato sul ddl dedicato alle riforme. “Confido – ha detto invece la presidente di commissione Anna Finocchiaro – che entro domani avremo ultimato con l’esame del testo, anche considerando che ci sarà una riunione di Forza Italia alle 13.00 e che dovremo dare il termine per i sub emendamenti agli emendamenti dei relatori, aspettando che rientri anche Calderoli che non è stato bene”. Se questo sarà il tabellino di marcia, dice la relatrice del Pd,”già giovedì il testo potrà essere in Aula per l’illustrazione e l’avvio della discussione generale, per poi entrare nel vivo dalla prossima settimana”. “Sembra incredibile – sospira Finocchiaro – ma da martedì prossimo potremmo cominciare con le votazioni”. Anche se in realtà, il governo aveva previsto che il testo della riforma del Senato, dovesse approdarenell’emiciclo già domani. Un calendario definito “ragionevole” dal ministro delle Riforme e dei Rapporti con il Parlamento Boschi, che ha spiegato che “sarà la conferenza dei capigruppo in ogni caso a decidere”  di Manolo Lanaro