Che fine hanno fatto i fascicoli del processo Bianco-Valle? Fino a qualche mese fa la sparizione di 24 faldoni di denunce, tabulati, intercettazioni telefoniche sarebbe stata archiviata con rassegnazione. Adesso non più. Perché quelle carte, sparite misteriosamente dalla cancelleria di palazzo di Giustizia a Genova, potrebbero contenere elementi interessanti per fare luce su una vicenda, forse collegata al grande albero del malaffare cresciuto in Banca Carige, sotto la regia di Giovanni Berneschi, dal 22 maggio agli arresti (prima domiciliari e poi nel carcere di Pontedecimo). Il grande capo dell’istituto bancario ligure è accusato di aver truffato per anni la banca (e gli azionisti) di cui è stato il dominus incontrastato attraverso una serie di operazioni immobiliari truccate, utilizzate – secondo l’accusa formulata dalla procura di Genova – per ingrassare i propri conti correnti aperti in Svizzera. Che c’entra dunque il caso dei faldoni smarriti con la mega-inchiesta a carico di Berneschi? E’ quello che i pm genovesi Piacente e Franz, titolari dell’inchiesta su Carige, vorrebbero verificare.

Il collega Francesco Pinto sta svolgendo indagini su alcuni funzionari della Carige sospettati di aver concesso fidi facili ad un imprenditore, Pietro Pesce, poi andato in bancarotta, con un buco di 20 milioni di euro. Pinto ha sottoposto a sequestro oltre mezzo milione di euro riferibili all’avvocato Sergio Bianchi, già presidente della società di costruzioni Pietro Pesce, socia assieme a Bianchi e a due fratelli milanesi, Ambrogio e Giampaolo Marazzina, della società Pmg srl. Secondo la procura di Milano, la Pmg srl faceva parte del sistema di società nelle quali era socio occulto Gian Piero Fiorani, il padrone di Bpi (Banca Popolkare italiana) finito a processo e condannato in via definitiva per la tentata scalata ad Antonveneta, assieme al governatore della Banca d’Italia, Fazio e i “furbetti del quartierino”.

La Pmg srl possiede alcune aree di pregio, tra le quali le aree dell’ex Italcementi a Imperia e dell’ex fabbrica di cioccolato Aura a Genova-Nervi. Nel 2002 si era acceso un contenzioso che aveva coinvolto due professionisti, gli architetti Daniele Bianco e Gerolamo Valle. I quali avevano rifiutato di sottoscrivere un aumento volumetrico per il progetto immobiliare destinato all’area ex Italcementi e si erano ritrovati coinvolti in una serie di vertenze giudiziarie e alle prese con un pregiudicato milanese, Piergiovanni Mazzucco, che li aveva minacciati di morte se non avessero receduto dal loro atteggiamento intransigente, accettando di dare corso al progetto immobiliare nei termini presentati dalla Pmg.

Nei giorni scorsi – a dieci anni dai fatti – è iniziato il processo a carico di Mazzucco. Al quale si è giunti soltanto perché la procura generale – a seguito della richiesta degli architetti Bianco e Valle – aveva infine deciso di avocare il procedimento giudiziario. Ma c’è di più. Il pm Gabriella Marino, aveva indagato Ambrogio Marazzina come mandante delle minacce di Mazzucco ai due architetti e lo aveva indagato. Mentre Bianco e Valle erano finiti a giudizio, accusati dai fratelli Marazzina di aver sottoscritto una falsa scrittura. Entrambi erano poi stati assolti in tutti e tre i gradi di giudizio. I faldoni spariti a Genova si riferiscono appunto al processo contro gli architetti Bianco e Valle e chiamano in causa l’avvocato Sergio Bianchi come autore di un colloquio con l’allora procuratore capo di Genova, Francesco Lalla, che il pm Marino – dopo aver abbandonato l’inchiesta – in una polemica lettera inviata a Lalla aveva definito inopportuno. Tra i faldoni ancora disponibili in cancelleria figurano quelli che contengono le trascrizioni del processo ai due architetti durante il quale Mazzucco ricostruì la visita ai due professionisti, preceduta – sostenne – da un incontro, “con l’avvocato Bianchi che era l’avvocato dei Marazzina”.

Il legame, tutto da verificare però, al caso Carige potrebbe nascere da un’altra dichiarazione, di tono minaccioso, fatta da Mazzucco agli architetti Bianco e Valle. “Per loro (i Marazzina, ndr) i tribunali non esistono… ha in mano tutto Bianchi… che era dio in terra”. E ancora: “Noi veniamo a sapere le cose dai tribunali, le denunce che continuate a fare”. La procura dovrà accertare se si trattava di millanterie o se davvero l’avvocato Bianchi era in grado di conoscere lo sviluppo delle indagini a carico della Pmg dai magistrati genovesi. E addirittura se riusciva pure a condizionarle. Affermazioni analoghe nella sostanza si ascoltano nelle conversazioni intercettate fra Berneschi e il suo compare, Ferdinando Menconi (leader di Carige Vita), quando entrambi vantano le loro conoscenze negli ambienti giudiziari genovesi e liguri. E si rassicurano a vicenda, affermando di essere in grado di avere notizie sulle indagini da magistrati amici.