Dopo otto mesi di attesa, sono arrivati in Italia i 31 bambini congolesi adottati da 24 famiglie italiane. Nell’autunno scorso, i genitori avevano provato ad andare a prenderli a Kinshasa ma, dopo due mesi di attesa, erano stati costretti a tornare indietro a mani vuote. Secondo la rappresentante della Farnesina, Cristina Ravaglia, la responsabilità è “degli equivoci del ministero dell’Integrazione – allora retto da Cécile Kyenge – e della Commissione adozioni internazionali”, un ente alle dipendenze della Presidenza del Consiglio. Ad accompagnare stamattina i bambini, in mezzo a bandiere tricolori, militari, e le famiglie in attesa, c’era il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi. Scesa dal volo di Stato con due bambini per mano, ha mostrato una treccia ai capelli: “Me l’ha fatta una bimba sull’aereo”  di Alessio Schiesari