Incognita affluenza alle urne. E’ la variabile che peserà di più su queste elezioni Europee. Al seggio di viale Manzoni, a due passi da piazza San Giovanni a Roma, gli elettori si sentono demotivati e sdegnati dalla dinamica della campagna elettorale fatta di urla e slogan senza un dibattito serio sui temi concreti. “Molti lo vivono come un referendum contro o pro il governo” ci dice un ragazzo. “Renzi è un democristiano ma va sostenuto, si prenda almeno la responsabilità di quello che fa” afferma un lettore del Pd. “Grillo è un pericolo e vedere piazza san Giovanni in mano al M5s è terribile” è il commento di un’altra. “Quella piazza è un luogo perso da tempo, c’hanno fatto il Family day – afferma con ironia un elettore della Lista Tsipras – non si può perdere la verginità due volte”  di Irene Buscemi