Le Assicurazioni Generali mettono a segno un aumento degli utili, comunicano di essere in anticipo rispetto agli obiettivi del piano di dismissioni (che prevedeva 4 miliardi di incassi tra 2013 e 2015) e fanno un passo avanti sulla strada della cessione della banca svizzera Bsi, concedendo a Banco Btg Pactual– una delle principali banche d’investimento e società di gestione di attivi e patrimoni dell’America Latina –  l’esclusiva per condurre le trattative per l’eventuale acquisizione. Il Leone di Trieste, il cui cda si è riunito mercoledì sera per approvare i conti del primo trimestre, ha chiuso il primo trimestre con 660 milioni di euro di utile netto, in crescita del 9,4% rispetto al corrispondente periodo del 2013. Hanno contribuito al miglioramento premi complessivi in crescita a 18,5 miliardi (+1,5%) e la profittabilità del business, con un risultato operativo salito a 1,3 miliardi – pari ai livelli pre-crisi. 

Indice patrimoniale ai livelli massimi – Nel segmento vita i premi hanno raggiunto i 12 miliardi (+2,4%), mentre il risultato operativo, pari a 779 milioni, si conferma ai livelli del 2013. Nel ramo danni la raccolta rimane stabile a 6,4 miliardi e il risultato operativo sale a 516 milioni (+3,7%), in miglioramento nonostante il peso di 0,6 punti percentuali di alluvioni e altre calamità che hanno colpito in particolare Italia e Francia. Nel segmento finanziario il risultato operativo cresce del 21% attestandosi a 144 milioni grazie in particolare al buon andamento di Banca Generali. L’indice patrimoniale disposto dalle autorità europee (Solvency I) a fine marzo era al 152%, undici punti percentuali in più rispetto a fine 2013, e a fine aprile ha toccato il 160%, «ai più elevati livelli raggiunti dal gruppo». Il direttore finanziario Alberto Minali ha commentato: i risultati del primo trimestre «confermano i progressi che stiamo facendo. Continuiamo ad essere focalizzati nell’esecuzione della nostra strategia e siamo convinti che potremo raggiungere in anticipo i nostri target di dismissioni e di Solvency». Il patrimonio netto di gruppo è di 21,7 miliardi, +9,9% rispetto a 19,7 di fine 2013. Hanno giocato a favore i risultati economici del periodo e l’andamento dei mercati finanziari, che hanno contribuito ad aumentare la riserva patrimoniale. A fine trimestre le masse gestite del gruppo registrano un incremento del 3,4%, attestandosi a 524,9 miliardi, composti da 357,1 miliardi di investimenti propri, 60,5 miliardi di investimenti a copertura delle polizze e 107,2 miliardi di masse gestite per conto di terzi, stabili rispetto a fine 2013. Per il resto dell’anno Generali prevede nel settore vita una raccolta stabile mentre l’obiettivo di incrementare il contributo dei rami danni potrebbe risentire della competizione nei mercati dove il gruppo è attivo. 

A Btg Pactual esclusiva su Bsi. Su Banca Generali smentite nuove trattative: “Non c’è nulla” – Quanto alla cessione di Bsi, la banca svizzera che fa parte del gruppo triestino dal 1998, una nota informa che Generali ha concesso a Banco Btg Pactual l’esclusiva per condurre le trattative per l’eventuale acquisizione dell’intero capitale. Btg Pactual, che ha una capitalizzazione di mercato di 13 miliardi di dollari e oltre 100 miliardi di franchi svizzeri di attivi in gestione, è socio anche di Mps, di cui detiene il 2%. Quanto invece alle indiscrezioni secondo le quali il Leone starebbe pensando di cedere altre quote di Banca Generali, Minali ha detto che “allo stato non c’è nulla” e Generali intende “mantenere il controllo”. 

E Scaroni si sospende per la condanna su Porto Tolle – Sempre giovedì una nota di Generali ha informato che l’ex ad di Eni Paolo Scaroni, che siede nel cda della compagnia, si è autosospeso “in via prudenziale” come conseguenza della condanna a tre anni per disastro colposo inflittagli in primo grado dal tribunale di Rovigo per la vicenda dell’inquinamento ambientale legato alla centrale di Porto Tolle dell’Enel, di cui Scaroni è stato ad tra 2002 e 2005. Una prossima assemblea convocata ad hoc deciderà se il manager può rimanere in consiglio.