Almeno sei persone sono morte nell’esplosione avvenuta a New York, dove nel quartiere di East Harlem sono crollati due palazzi di cinque piani, esattamente tra la 116 e Park Avenue intorno alle 9 ora locale (guarda la diretta). La polizia di New York ha escluso che l’incidente sia collegato al terrorismo e conferma che all’origine c’è stata una fuga di gas in uno dei due edifici, che era ancora in costruzione. Le autorità e il sindaco Bill de Blasio hanno confermato che ci sono anche una sessantina di feriti, quattro dei quali molto gravi, e “almeno 9 dispersi” (qui foto e video). Sul posto sono arrivati 168 pompieri da tutta la città e anche il sindaco Bill de Blasio, che ha tenuto una conferenza stampa. 

La compagnia elettrica newyorkese, Con Edison, è stata chiamata d’urgenza per una fuga di gas poco prima dell’esplosione. Elizabeth Matthews, portavoce della società, spiega che un utente residente al 1652 di Park Avenue aveva segnalato un forte odore di gas alle 9.13. Lo sentiva all’interno del proprio appartamento, ma riteneva che provenisse da fuori. La compagnia ha quindi inviato sul posto due squadre poco dopo le 9.15 ora locale, ma i team sono arrivati proprio appena dopo l’incidente. Nella strada in cui è avvenuto, il gas viene distribuito tramite una condotta a bassa pressione larga otto pollici.

Bill de Blasio, nella conferenza stampa, ha spiegato che c’è “un certo numero” di persone disperse e ha riferito che per le persone che cercano eventuali parenti dispersi è stato attivato il numero 311 con il quale è possibile parlare in inglese e spagnolo. Nella zona abitano infatti numerosi ispanici. Ai microfoni della Wabc, i residenti hanno raccontato di aver sentito un boato e alcuni di loro pensavano si trattasse di un terremoto. Anche gli edifici circostanti, tra cui una chiesa e un palazzo che ospita un negozio di pianoforti e alcuni appartamenti, sono stati danneggiati. “Spero che non ci fosse nessuno dentro, perché sono rimaste solo macerie”, ha detto il commesso di un negozio di abiti di seconda mano che si trova vicino all’isolato dove è avvenuto il crollo. C’è preoccupazione anche per una mamma e un figlio disabile che, dice una vicina, “si trovavano certamente a casa”. 

 

Le decine di vigili del fuoco accorsi sul posto ritengono che la situazione sia “sotto controllo”, anche se nel pomeriggio è previsto un temporale che non faciliterà il loro lavoro. 

 

La zona colpita dall’incidente è vicino ai binari di Metro-North, a nord di Central Park. Le immagini dalla zona mostrano anche macerie che coprono parzialmente un veicolo parcheggiato. I detriti del crollo, scrive il Nyt, sono caduti sulle rotaie della linea soprelevata del treno Metro North, all’altezza della 116/ma strada, e il traffico dei treni nella zona è stato pertanto sospeso.