Prendo con amarezza la parola in dissenso dal mio gruppo che già 9 anni fa, nell’ottobre 2005, si pronunciò a favore delle quote di genere. Oggi, invece, non ci lascia nemmeno la libertà di coscienza su questo tema”. Lo dice nell’Aula della Camera la deputata di Forza Italia Stefania Prestigiacomo, annunciando che voterà “con orgoglio e a viso aperto” a favore degli emendamenti sulle quote rosa nella legge elettorale. A breve, gli risponde il capogruppo di FI alla Camera, Renato Brunetta: “Non si capiscono polemiche o dissensi rispetto al gruppo, perché su questo tema, ancora così controverso, prevale e prevarrà la libertà di voto. Dopo che il governo si è rimesso all’Aula sulla parità di genere, il mio partito – come il Pd e altri – ha infatti dato libertà di voto ai suoi deputati”  di Manolo Lanaro