Non accetto lezioni morali da chi ha provocato la morte di qualcuno ed è fuggito, come Grillo“. Sono le durissime parole dell’ex ministro delle Politiche Agricole Nunzia De Girolamo, intervistata da Giovanni Minoli per “Mix24”, su Radio24. Il deputato Ncd attacca il leader del Movimento 5 Stelle senza sconti: “Una volta in treno ho letto un’intervista della figlia delle persone che sono morte in quell’incidente, e lei lamentava che Grillo non si era mai confrontato con lei, che non aveva accettato di raccontarle la verità, che non l’ha mai richiamata. Questa per me è paura” – continua – “la paura di guardare in faccia la verità e soprattutto di guardare in faccia se stessi, non la paura di cui parla il M5S secondo cui ho avuto paura della mozione di sfiducia“. E aggiunge: “Io onestamente la penso come Renzo Piano: sarebbe meglio che Grillo tornasse a fare il comico. E che lo facesse presto, molto presto. Con lui credo che debbano andare tutti parlamentari grillini, sinceramente, perché sono stati eletti grazie a lui. Quel giorno in cui ho parlato alla Camera erano assenti, perché hanno paura di ascoltare le ragioni degli altri, e sono vittime purtroppo del loro pregiudizio”. La De Girolamo nega di aver ricevuto alcun avviso di garanzia o un invito a comparire. E sottolinea di essersi dimessa “per ragioni morali e politiche, perché la parola e la politica devono tornare ad essere credibili e avere un significato”, ammettendo anche di aver sentito “alcuni amici di Forza Italia”. Infine, un tributo accorato a Silvio Berlusconi: “Con le sue foto pubblicate sul Sunday Times ancora una volta ha insegnato qualcosa: ha dimostrato di aver fatto pace con la verità della sua vita” di Gisella Ruccia