Il presidente del Consiglio Enrico Letta ha annunciato al termine del Consiglio dei Ministri che entro: “il 31 gennaio non ci sarà il taglio delle detrazioni fiscali per famiglie e contribuenti. Abbiamo approvato un decreto legge per la soluzione di quattro problemi urgenti di natura fiscale – ha spiegato il premier –  Se non fossimo intervenuti, il 31 gennaio sarebbe scattato il taglio delle detrazioni fiscali per famiglie e contribuenti”. Così ora il capitolo viene demandato alla delega fiscale che “sarà la sede della discussione sul riordino”. Poi Letta parla di: “Ossigeno alle imprese” riferendosi al rinvio nel mese di maggio dei termini per il pagamento della prima rata dei contributi Inail: “Si realizza il primo effetto della riduzione delle tasse sul lavoro che la legge di Stabilità ha deciso”. Letta ha spiegato che le imprese non dovranno pagare tre ma due miliardi di euro non a febbraio ma a maggio: “Diamo alle imprese tre mesi di liquidità in più, che servirà per investire e spingere la crescita”  di Manolo Lanaro