Enrico Letta è un cazzaro, quindi un bugiardo e mentitore”. Lo afferma senza mezzi termini Maurizio Bianconi, tesoriere del Pdl e deputato di Forza Italia, ospite di “24 Mattino”, su Radio24. “Se si legge il titolo della legge, che Letta ha preso per farne il decreto” – spiega – “non c’è scritto ‘abolizione del finanziamento pubblico dei partiti’, ma c’è scritto ‘Norme per il passaggio dal finanziamento pubblico diretto al finanziamento pubblico indiretto’. Il che significa che ci saranno sempre soldi pubblici che vanno ai partiti, i quali ancora graveranno sulle tasche dell’erario esattamente per i denari che costano adesso”. E accusa anche il capo dello Stato: “Napolitano non può minacciare, dicendo: ‘Se fate i bambini e i cattivi, me ne vado’. E poi rimane lì. Lui se ne doveva già andare, perché aveva detto che restava soltanto in un governo a larghe intese finalizzato alle riforme. Il governo di larghe intese non c’è più e lui non può fare come quello che vende i chicchi e dice: ‘Guardate, me ne vado’. No, se ne deve proprio andare”. Bianconi precisa: “Ho detto e ridetto che sono contrario al finanziamento pubblico dei partiti. Però, se si dice che la stragrande maggioranza degli italiani vuole l’abolizione, bisogna abolire il finanziamento pubblico, non prendere in giro gli italiani. La gente ha capito che Letta vuole fare la sua figura. In realtà, lui è protagonista di uno scontro interno con Matteo Renzi e si fanno le sorpresine. Letta ha fatto questo decreto legge solo perché è in contrasto con Renzi, lo dicono tutti”. E sottolinea: “Enrico Letta ha esaurito la sua funzione. Lui è un uomo di potere, un grande comunicatore, ma di grandi comunicatori ne abbiamo avuti abbastanza” di Gisella Ruccia