Giù le mani dal porto. A Civitavecchia esplode la lotta politica, tutta interna al centrosinistra, che si conclude con le dimissioni del sindaco, Pietro Tidei . La faida, che a un primo sguardo sembra essere una storia di ordinaria amministrazione comunale, nasconde un ben più complesso schema di equilibri che ha come nodo centrale lo scalo della città, tra i più importanti d’Italia: sono gli interessi del porto e non il programma politico il vero motivo di conflitto che porterà la città al voto a soli 18 mesi dalle ultime elezioni amministrative.

Larghe intese
I protagonisti dello scontro: da una parte c’è Enrico Luciani, vicesindaco di Sel, dall’altra Tidei, al suo terzo mandato da primo cittadino. A manovrare, in mezzo, un altro noto protagonista della vita politica della città, Gianni Moscherini, leader  del Pdl, ex sindaco ed ex presidente dell’Autorità portuale di Civitavecchia. Siamo di fronte alle larghe intese in senso contrario: Sel e Pdl – 16 consiglieri incluso il capogruppo del Pd – si alleano per far cadere la giunta. Come se non bastasse, è proprio Sel ad accusare Tidei di aver tentato di fare un accordo con il Pdl.

La vendetta di Moscherini
Moscherini alle ultime amministrative del maggio 2012, viene sconfitto dal suo nemico storico, Pietro Tidei e aspetta un anno per sferrargli il colpo mortale. Tidei nel frattempo si dimette da parlamentare – dopo una dura polemica con Mario Adinolfi, suo subentrante – per concentrarsi sull’amministrazione della città. Ma i mal di pancia di Luciani forniscono a Moscherini l’occasione che aspettava da tempo. Il capogruppo del centrodestra chiama a raccolta 16 consiglieri comunali: i “suoi” del centrodestra più quelli di Sel, quelli di “Ritorno al futuro” (lista che sosteneva il sindaco) e il capogruppo del Pd. Insieme firmano un documento per sfiduciare il primo cittadino. E’ un vero caos che si manifesta con scambi d’accuse e veleni: secondo il Partito democratico, Sel avrebbe fatto asse con il centrodestra per farlo cadere. Sel, per tutta risposta, muove la stessa accusa a Tidei, cioè di aver tentato la strada delle larghe intese con il Pdl. Luciani rilancia: “Il sindaco voleva farci fuori e la dimostrazione è l’accordo non riuscito con Moscherini tentato il giorno prima dell’ultimo consiglio comunale”.

La partita sull’acqua pubblica
Il sindaco non ha più i numeri per andare avanti e sarebbe stata una sua telefonata con Moscherini, in cui Tidei chiede sostegno al Pdl per proseguire il mandato, a montare l’ira di Luciani. Ha bisogno di 4 voti per non cadere e li chiede al suo nemico di sempre. Sel è contraria al programma della maggioranza e diserta da giorni tutte le riunioni. “Stiamo protestando – fanno sapere da Sel – contro la politica personale del governatore di Civitavecchia. Questa città deve essere de-tideizzata”. I malumori nei confronti di Tidei sono molteplici. Per Sel l’ormai ex sindaco non rispetta il programma e, per la precisione, l’accusa di Luciani riguarda il progetto sull’acqua pubblica: il partito guidato da Nichi Vendola voleva una gestione pubblica ma, in forza di una sentenza del Consiglio di Stato, il servizio è stato affidato ad Acea. Il sindaco del Pd è all’angolo: “Dove sono i suoi impegni in favore dell’acqua pubblica? – chiede Luciani – Non ha rispettato gli accordi e noi l’abbiamo mandato a casa”.

Fronte del porto
Oltre che per l’acqua pubblica, però, il cuore di Luciani batte soprattutto per il porto: oltre ad essere il capogruppo di Sel, infatti, è anche il presidente della Compagnia portuale di Civitavecchia. Ed ecco che la battaglia politica si sposta su un altro terreno: quello economico. Il punto su cui saltano gli equilibri nel centrosinistra è proprio la gestione del porto: secondo Luciani, il sindaco se ne vuole impossessare. Un tentativo in atto da mesi che ha il suo apice nel momento in cui un giovane consigliere comunale del Pd Stefano Giannini, lancia una serie di accuse contro Pasquale Monti, presidente dell’Authority di Civitavecchia. Giannini rileva una decrescita dei traffici del 25 per cento. I comunicati del consigliere scatenano la furia di Luciani perché sferrano un attacco alla sua creatura. E qui il leader di Sel rivela la sua doppia natura: politica e portuale. “Non permetto – dice l’ex vice sindaco – che un ragazzino sciorini cifre senza sapere di cosa si sta parlando: è chiaro che dietro l’operazione di Giannini c’è il sindaco. Abbiamo bloccato l’azione di Tidei volta a gettare discredito sull’operato dei portuali”.

Si torna al voto
Un sistema di vasi comunicanti che dal porto si versano sull’amministrazione del Comune laziale e viceversa. Tanti, troppi gli interessi economici che ruotano intorno all’indotto, che sgretolano la maggioranza e sfociano nella decisione di Tidei di dimettersi dopo soli 18 mesi di mandato: “Mi dimetto, impossibile andare avanti con questo clima”.
 Dopo appena un anno e mezzo dalle ultime elezioni, Civitavecchia, presto commissariata, tornerà al voto.