“Mi risulta che la legge di Stabilità sia stata presentata in Senato. Quindi non capisco dove sia la precipitazione“. Così il segretario nazionale della Cgil, Susanna Camusso, risponde al premier Enrico Letta, che nei giorni scorsi ha definito i sindacati “precipitosi”. Il leader della Cgil, a Bologna per il direttivo regionale, ribadisce poi la necessita di uno stop unitario di 4 ore, così come annunciato nei giorni scorsi. Ed elenca quelli che, a suo parere, sono i punti deboli della manovra: “Temo che nell’iter di approvazione una finanziaria, essendo dispersiva, si presti alla moltiplicazione delle piccole poste, invece che dare quello choc all’economia, necessario per fare uscire il paese dalla recessione. Non c’è nessuna scelta seria rispetto alla spesa pubblica, ma c’è un intervento molto pesante sui diritti dei lavoratori”  di Giulia Zaccariello