“Dove dovrebbe essere seppellito mio padre? Per me anche in Israele, così sono contenti…”. Jorge, il figlio di Erich Priebke residente a Bariloche, definisce “un’ingiustizia” la vicenda dell’ex ufficiale SS e le polemiche scoppiate sui funerali e sulla sepoltura. Il Vicariato ha negato le esequie pubbliche, il Questore di Roma qualsiasi manifestazione anche in provincia  e il sindaco di Roma, Ignazio Marino, ha chiarito che la città non può accogliere le spoglie. “Quasi tutto è un’ingiustizia. Perché quella gente non guarda quanto succede in Medio OrienteSiria, Iran oppure quei poveracci a Lampedusa che muoiono nel Mediterraneo? Perché continuano invece a prendersela con uno dei tempi della guerra finita più di 60 anni fa? Che la smettano di ‘joder’ (rompere, ndr), sono dei risentiti, quelli rompono nel mondo fin da prima di Cristo”. Raggiunto telefonicamente dall’Ansa il figlio del boia delle Fosse Ardeatine alla domanda su chi siano ‘quelli’ risponde: “Gli stessi di cui stiamo parlando. Ma ora basta mi sono arrabbiato troppo. Meglio non parlare più”. 

“L’ultima volta che ho sentito mio padre è stato una quindicina di giorni fa. Non era malato, stava bene” racconta l’uomo precisando che non andrà ai funerali del padre: “Siamo molto tristi, anche se ora sto un po’meglio. A chiamare eravamo sempre noi, lui non poteva fare telefonate internazionali. L’ultima volta che l’ho sentito abbiamo parlato un minuto, non di più, come facevamo sempre. Mi raccontava poco, che aveva qualche visita, che stava bene… Mi aveva detto ‘alla prossima’. Poi non ha più risposto, né ha voluto sapere niente di nessuno. Credo si sia lasciato andare”. Jorge Priebke fa sapere anche che non potrà partecipare ai funerali: “A parte il fatto che ho dei problemi fisici, non abbiamo i soldi per il biglietto. In Argentina prendo la pensione minima e ho una macchina vecchia di 35 anni. Quando c’è stata l’estradizione in Italia di mio padre, qui tutti si sono lavati le mani, come Ponzio Pilato”, afferma ancora, riferendosi alla reazione della comunità tedesca locale e della Germania nei confronti dei familiari di Priebke a Bariloche.

Il figlio dell’ex capitano delle Ss difende il padre parlando di responsabilità indiretta: “Il processo contro mio padre è stata una falsificazione fatta dagli ebrei. L’ho visto quando sono stato a Roma. C’era molto rancore. Credo che quanto sia successo a mio padre sia dovuto al fatto che era l’unico ancora vivo tra quelli delle Fosse Ardeatine, l’unico che aveva raggiunto i cento anni. Ormai non ci sono più neanche i suoi vecchi amici”. Alle Ardeatine, 335 civili inermi fucilati di spalle e con le mani legate, “non ebbe una responsabilità diretta. Agì per obbedienza dovuta nei confronti dei superiori. Può essere che abbia sparato due volte”. Nel sottolineare di “aver sempre saputo poco della guerra”, e di essersi “aggiornato solo di recente”, Jorge afferma che neanche il padre “parlava più di quei tempi”. Alle Ardeatine “il capo era Kappler, poi c’erano Wolff, Hass e gli altri. Lui era nel gruppo, non so in quale ruolo. Non era certo il ‘numero tre’, forse il ‘numero dieci’ o giù di lì. Molti dicono che era il capo del carcere di Roma: neanche questo è vero, e non lo è neppure la storia che lui teneva in mano la lista” con i nomi dei prigionieri prima che entrassero nelle grotte.

“In questi giorni – precisa – su internet stanno uscendo delle cose tremende, quasi mio padre fosse colpevole di tutto. Sul web scrivono tanti giovani, che non sanno niente sulla guerra, gli ebrei o il nazismo. Quello che leggo è falso. Non è per esempio vero che abbiamo vissuto nascosti con un altro nome. Qui a Bariloche mio padre ha avuto incarichi pubblici“, aggiunge, precisando che nel 1994, prima di essere ‘scoperto’ da una rete tv americana, Priebke aveva fatto “diversi viaggi, in Italia, Germania, Francia, Inghilterra e gli Stati Uniti”. “Mio fratello Ingo vive d’altra parte a New York, anche se va spesso in Germania. Ma noi – conclude – non ci vediamo da anni”

“Pieno rispetto al dolore di un figlio che perde il padre, anche se questo è un criminale nazista. Ma quelle parole hanno il sapore intriso di quell’humus culturale che non smentisce ciò che ha anche affermato Priebke nel suo testamento” dice il presidente della comunità ebraica di Roma Riccardo Pacifici .”Rimane l’amarezza – aggiunge – perché io considero i figli figure che non debbano pagare le colpe dei padri. Ma questo di certo non aiuta nel giudizio sulle nuove generazioni”.