L’inaugurazione della nuova sede di Forza Italia a Roma, in piazza San Lorenzo in Lucina, è un vero flop. Silvio Berlusconi arriva intorno alle ore 17.30. Ad attenderlo, oltre a giornalisti, fotografi e cameraman, ci sono appena un centinaio di militanti: “Non è mica una festa” prova a giustificare una signora. I sostenitori di Forza Italia avvicinati da ilfattoquotidiano.it subito rispondono: ” Se ne vada, voi siete tutti uguali, siete tutti brutti“. E un altro: “Padellaro e Travaglio hanno una soddisfazione atroce e truculenta nel definire delinquente Berlusconi”. Tutti (i pochi) presenti condividono la scelta intrapresa da Silvio Berlusconi di tornare a Forza Italia e gli elettori più giovani, in merito al videomessaggio del Cavaliere, dicono: “Rispecchia perfettamente i miei ideali”, anche se qualcuno ammette di non averlo visto. Durante l’inaugurazione della sede da tremila metri quadri, non mancano gli inconvenienti: il maxi schermo istallato in piazza funziona a singhiozzo tagliando le parole pronunciate da Berlusconi e spesso il segnale video salta, così da rendere incomprensibile il discorso del leader del rinato partito. Terminata la cerimonia d’apertura della sede Alessandra Mussolini esce dall’ingresso principale avvolta dalla bandiera di Forza Italia  di Manolo Lanaro